Prendi i soldi e scappa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Di A. Se. per Il Corriere della Sera

Gli ex consiglieri del Pirellone che nel corso degli anni e delle legislature regionali hanno beneficiato della possibilità di richiedere i contributi versati per il vitalizio sono 130. Il totale dei soldi restituiti dalla tesoreria del Pirellone ai politici lombardi supera i sedici milioni di euro. Tra i «Paperoni» di questa graduatoria, tre ex assessori delle giunte di Roberto Formigoni (tutti peraltro passati a vario titolo attraverso inchieste della magistratura): Massimo Buscemi (con 436 mila euro ritirati), Marcello Raimondi (378 mila) e Piergianni Prosperini (347 mila). Appena qualcosa in più per Elisabetta Fatuzzo, storica esponente in Regione del Partito Pensionati: 348 mila euro. Quaranta invece i consiglieri, aventi diritto al vitalizio, che hanno scelto di non ottenere la restituzione dei fondi versati e che a tempo debito riceveranno l’assegno mensile. Lo scandalo delle pensioni d’oro è stato al centro del tavolo di lavoro sui costi della politica riconvocato ieri al Pirellone e coordinato dal presidente dell’Aula, Raffaele Cattaneo. Risultato: si scriverà un progetto di legge che prevede l’innalzamento dell’età del vitalizio a 66 anni (ora a 60), e un taglio degli assegni proporzionato agli importi e ai contributi di ogni singolo ex consigliere.

Le riduzioni saranno poi destinate a un «fondo di solidarietà» che avrà validità fino al termine della legislatura e potrà essere eventualmente prorogato. Il testo di legge, sul quale c’è il sostanziale accordo di tutte le forze politiche, sarà presentato ufficialmente mercoledì, ma arriverà in aula solo a settembre, alla ripresa dei lavori del Consiglio dopo la pausa estiva. Protestano però i grillini: «Non possiamo non essere soddisfatti nel constatare che le altre forze politiche siano convenute sulle nostre proposte», commenta Stefano Buffagni, consigliere del Movimento Cinque Stelle: «Però con questo iter si perde altro tempo, mentre si poteva intervenire attraverso pochi e semplici emendamenti al bilancio d’assestamento come avevamo proposto».