É la fine di un’epoca. Il Cavaliere trasloca da Palazzo Grazioli e si stabilisce nella villa sull’Appia

SILVIO BERLUSCONI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

É la fine di un’epoca. E di una bella rendita per gli eredi del barone Vincenzo Grazioli, che da 24 anni ospitavano in affitto nel loro palazzo di via del Plebiscito la residenza romana di Silvio Berlusconi. Entro fine anno il Cavaliere lascerà l’immobile, divenuto per un lungo periodo epicentro della vita politica nazionale, ma anche delle cronache giudiziarie legate alle cosiddette “cene eleganti” del leader di Forza Italia quando si fermava nella Capitale. Berlusconi si trasferirà (ma non subito) nella sontuosa villa di sua proprietà sull’Appia, acquistata nel 2001 per oltre tre milioni di euro, dove però ha vissuto fino alla fine dei suoi giorni il regista Franco Zeffirelli. Resta invece nella prestigiosa piazza San Lorenzo in Lucina la sede del partito, nonostante i conti in rosso di Forza Italia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA