E Letta tweettò: vado a dimettermi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Al Quirinale a rassegnare le dimissioni al Capo dello Stato. Grazie a tutti  quelli che mi hanno aiutato. ‘Ogni giorno come se fosse  l’ultimo'”. Lo ha scritto su Twitter, il presidente del  Consiglio, Enrico Letta, ricorrendo anche in questo caso alla  frase ‘mantra’ prelevata da Seneca. Letta ha lasciato palazzo  Chigi per andare dal presidente della Repubblica, Giorgio  Napolitano, dove è arrivato da pochi minuti da solo, guidando una Lancia Delta, la berlina media della casa italiana, di colore grigio. Il premier ha abbassato il finestrino e salutato i fotografi e cineoperatori che lo aspettavano davanti al palazzo. Intanto è stato ufficializzato che il M5s non andrà’ alle consultazioni al Quirinale. Lo ha deciso l’assemblea dei deputati del Movimento. I voti contrari alle consultazioni sono stati 62, 17 i favorevoli e 6 gli astenuti.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA