E’ mistero sulla morte del piccolo Loris. Ora la Procura esclude la violenza sessuale e indaga per sequestro di persona e omicidio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il piccolo di otto anni, Loris Stival, è morto strangolato sabato pomeriggio a Santa Croce Camerina, in provincia di Ragusa. A confermare la dinamica dell’omicidio l’autopsia. Dopo l’omicidio il  suo corpo sarebbe stato scaraventato in un canale, da un altezza di 3 metri e mezzo, dove è stato ritrovato dal cacciatore Orazio Fidone. Fino a questo momento il procuratore ha escluso che il piccolo abbia subito abusi sessuali. E per questo motivo si indaga sull’ipotesi di omicidio volontario. “La procura di Ragusa indaga per sequestro di persona e omicidio, ma al momento non vi sono persone iscritte nel registro degli indagati. Stiamo ancora cercando lo zaino”.

“Le forze dell’ordine mi hanno detto che al momento non esistono certezze, ma ho chiesto loro di dirmi quale è il pericolo che possono correre i bambini”, afferma la preside della scuola elementare Falcone-Borsellino Giovanna Campo, davanti al cancello dell’istituto vietando l’ingresso a telecamere e giornalisti. “La nostra priorità in questo momento – ha aggiunto – è accogliere i bambini e spiegare loro, se ci riusciremo, cosa devono fare. Non siamo preparati a questo tipo di evento assurdo e per questo in classe ci saranno anche gli psicologi della Sezione minorenni della Polizia”. Sull’ipotesi che ci possa essere un orco in Paese la direttrice preferisce non commentare: “Aspettiamo gli esiti finali delle indagini, abbiamo piena fiducia in polizia e carabinieri, ma al momento non c’è nulla di definitivo”.