E ora il prosciutto se lo rubano pure i manager. Furto della disperazione a Bergamo. Ferito il titolare di un supermercato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una manager di cinquant’anni, che i carabinieri hanno definito una “cittadina al di sopra di ogni sospetto”, domenica è stata arrestata per aver rubato confezioni di salumi per 25 euro all’interno di un supermercato. È accaduto al Conad di San Giovanni Bianco, in provincia di Bergamo, dove la cinquantenne, manager in una multinazionale di prodotti farmaceutici, è entrata a far la spesa, nascondendo gli affettati senza passare dalla cassa a pagarli.

L’ARRESTO
Quando il responsabile del punto vendita si è accorto, l’ha seguita per tentare di bloccarla: la donna gli ha schiacciato la mano con la portiere dell’auto. Poco dopo è tornata al supermercato e ha trovato i carabinieri, che l’hanno arrestata. Dieci giorni di prognosi, per il gestore della Conad, che aveva appena chiamato i militari quando la signora era appena tornata al supermercato, quasi in affanno, pentendosi e riconsegnando la refurtiva. “Ha difficoltà, è in cura per qualche particolare disturbo?” ha chiesto nel processo per direttissima in aula il giudice Graziosi all’imputata. “No – ha risposto lei -. Mi sono fatta prendere la mano e mentre andavo alla cassa mi sono ricordata che avevo fatto il pieno all’auto poco prima e non avevo i soldi per pagare. Ma non volevo fare una brutta figura…”. “E l’idea di lasciare la merce e tornare dopo non l’ha sfiorata”, ha chiesto ancora il giudice, senza ottenere risposte. Nessuna spiegazione chiara, solo la rapina impropria di una donna che non ha difficoltà economiche.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA