Eccezione respinta, doccia fredda per Renzi. L’inchiesta sulla Fondazione Open resta a Firenze

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Doccia fredda per Matteo Renzi (nella foto) nell’inchiesta sulla fondazione Open. La Procura di Firenze ha deciso che le indagini sulla cassaforte del giglio magico negli anni della scalata di Renzi a Palazzo Chigi, rimarranno nella città toscana. Respinta, quindi, l’eccezione di competenza territoriale che era stata presentata dai legali dell’ex premier che puntavano a trasferire l’intera partita a Roma o, in subordine, a Velletri o Pistoia. Una richiesta che i difensori avevano motivato in quanto il primo degli episodi contestati e su cui si basa il presunto finanziamento illecito ai partiti contestato a Renzi e agli altri indagati, tra cui gli ex ministri Maria Elena Boschi e Luca Lotti, ossia il versamento da parte della British american tobacco, si sarebbe consumato a Roma.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA