Ecco come Parigi tiene sotto scacco 200 milioni di persone. Quanto vale e in quali Paesi è utilizzato il Franco Cfa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Su Google, in queste ore, è una delle chiavi di ricerca più digitate. In tanti si sono chiesti cos’è il Franco Cfa? A prescindere da quale sia la posizione in merito, occorre chiarire alcune questioni. La moneta è utilizzata in 14 ex colonie francesi dell’Africa. Per un totale, come detto due giorni fa da Alessandro Di Battista su Rai1 (nella foto), da 200 milioni di persone circa. Non è un caso che la stessa sigla “Fcfa” stia proprio per “Franco delle Colonie Francesi d’Africa”. Parliamo, in sostanza, di due valute comuni a diversi Paesi africani, create nel 1945 e la cui convertibilità esterna è garantita dal Tesoro francese.

Il Franco Cfa viene utilizzato oggi in sei Paesi dell’Africa centrale (Camerun, Repubblica centrafricana, Congo, Gabon, Guinea equatoriale, Ciad) con banca centrale la Beac, la Banca Centrale degli Stati Africani. E in otto Paesi dell’Africa occidentale (Benin, Burkina Faso, Costa d’Avorio, Guina Bissau, Mali, Niger, Senegal e Togo) con banca di riferimento la Banca centrale degli Stati dell’Africa occidentale. Nel 1945 un Franco Cfa equivaleva a 1,7 franchi francesi. La moneta è andata poi svalutandosi nel tempo fino ad arrivare alla conversione in euro. Oggi un euro equivale a 659,26 Franchi Cfa.

Da sempre è un tema molto controverso in territorio francese e africano. Per i fautori del sistema, la moneta garantisce stabilità monetaria ai Paesi africani (che in questo modo non sono soggetti a volatilità); chi invece è critico con questo sistema (come i 5 stelle) ritiene che, stampando la moneta, la Francia goda di un privilegio in quei Paesi soprattutto in riferimento allo sfruttamento di manodopera e materie prime.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA