Ecco perché Renzi non teme il voto

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

Un giorno ci siamo, un giorno no. Un giorno siamo vicini all’accordo per il governo, un giorno è di nuovo tutto in alto mare. E intanto il tempo passa. Le imprese chiudono. I disperati che si suicidano, muoiono. E anche la speranza non si sente troppo bene. Ma a che gioco sta giocando questa politica senza più decenza e senza vergogna?
direttorepedIl risultato elettorale ci ha consegnato una situazione ingestibile. Non prenderne atto è forse il gesto meno saggio che si sia mai visto al Quirinale. Tornare alle urne con il porcellum non garantisce un risultato differente, dicono partiti e fiancheggiatori (anche nei giornali). La verità è che tremano come foglie: un nuovo voto potrebbe completare l’opera e mandare a casa anche i sopravvissuti all’ecatombe politica del 25 febbraio scorso. La foglia di fico utilizzata è la necessità di fare qualunque cosa, anche un governicchio (ma chiamarlo governissimo fa più ganzo) per cambiare la legge elettorale e poi tornare a votare. Ma lo sanno anche i bambini che per cambiare la legge elettorale ci vogliono mesi e soprattutto una maggioranza politica che non c’è. Inevitabile, dunque, se mai si percorrese questa strada, ritrovarsi tra sei mesi o un anno senza nuova legge elettorale e nella stessa situazione di stallo che viviamo adesso.
Mentre al Colle si beve l’acqua calda scoperta dai saggi (per proporre di tagliare il numero dei parlamentari serviva proprio saggezza pura!) e Pd-Pdl-Monti cincischiano, l’unico che ci sta mettendo la faccia nel dire le cose come stanno è Matteo Renzi, non a caso già da tempo il nemico pubblico numero uno dentro il suo stesso partito. Un Pd arrivato alla frutta; dove ormai siamo ai colpi più bassi; allo scontro tra bande. Ma a che servono partiti così?

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA