L'Editoriale

Er puzzone siriano che divide

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Arridatece er puzzone gridavano i romani davanti al caos delle prime epurazioni antifasciste. Il puzzone era Mussolini, e a invocarlo non erano né vecchie camice nere né ex collaborazionisti. Era gente comune, costretta alla logica del “si stava meglio prima”, perché il “dopo” si presentava spaventoso e pieno di insidie. Arridatece er puzzone è quello che tante anime belle, democratiche e pacifiste, hanno detto negli ultimi anni di Gheddafi. Il rais non governava facendo sconti ai gruppi tribali che hanno fatto esplodere la Libia dopo la sua morte. Uno degli effetti ce l’abbiamo sotto gli occhi con le migliaia di migranti che arrivano sulle rotte di Tripoli. Ora la stessa situazione si ripropone in Siria. L’Occidente, con in testa americani e francesi, dopo averlo finanziato per anni, non si fidano più del leader di Damasco, Assad, e vogliono toglierlo di mezzo. La Russia invece sostiene il presidente siriano, con l’argomento che una volta fatto fuori, il Paese sarà instabile per anni, a tutto vantaggio dell’Isis, e presto tutti lo rimpiangeranno. Su questa divergenza Usa e Russia stanno tornando a giocare alla guerra. L’unico gioco che finisce sempre senza vincitori.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA