L'Editoriale

A che serve un nuovo Napoleone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Prima il cambio del capo azienda delle assicurazioni Generali, poi l’uscita del numero uno di Telecom. E in mezzo la resa di Mediobanca, dove l’amministratore delegato per ora si salva, ma al prezzo di sottostare a ogni capriccio del nuovo re del capitalismo italiano: il francese Vincent Bolloré. A chi non segue le grandi vicende economiche può sembrare la solita lotta per il potere economico e finanziario. E in effetti c’è anche questo. Ma quello che sta accadendo – non solo nel silenzio, ma a questo punto con la benedizione del Governo – va oltre una gigantesca partita per i soldi. Bolloré, che controlla Telecom, può diventare l’uomo che toglie le castagne dal fuoco a Berlusconi, comprando Mediaset e mettendo fine a ogni residuo motivo del Cavaliere per restare sulla scena politica. Un bel regalo anche per Renzi, che in cambio del lasciapassare al finanziere bretone sta già incassando un’opposizione a scartamento ridotto da quel che resta di Forza Italia. I soliti giochi sulla testa degli italiani, insomma, tra conflitti d’interessi e pezzi pregiati del Paese messi al servizio dei raider internazionali di turno. Un’Italia svaligiata che apre la porta ai suoi predoni.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA