A chi giova l’operazione nostalgia

di Gaetano Pedullà

Se la politica è l’arte del possibile, con Romano Prodi arriviamo all’impossibile. In fin dei conti parliamo di un signore che riuscì a sapere in una seduta spiritica in quale via era tenuto prigioniero Aldo Moro, salvo poi spedire la polizia da tutt’altra parte. Manager democristiano dell’Iri che spendeva e spandeva miliardi pubblici, ma anche padre nobile della Sinistra, l’ex premier dell’Ulivo, ha avuto un’altra illuminazione: far posto a Silvio Berlusconi nel Governo. Roba da ricovero immediato se non fosse che questa idea non circola da ieri, e unendo i puntini lasciati da tanti indizi possiamo vedere un disegno ben preciso.

Partiamo dalla riabilitazione giudiziaria del fondatore di Mediaset e Forza Italia. L’operazione è disperata, ma l’incrocio delle televisioni di famiglia, giornali amici e carenza di memoria degli italiani fa miracoli. Così il nastro con le confidenze di un giudice morto due anni fa, tenuto sette anni in un cassetto, dovrebbe provare che il Cavaliere è immacolato come un giglio di campo, e se combatte da trent’anni con i tribunali di tutta Italia è perché un esercito di toghe non si è ancora stancato di complottare contro di lui. Poi c’è il Mes, cioè la tagliola in cui i poteri europei e finanziari vorrebbero infilare la nostra testa.

Cinque Stelle e partiti sovranisti hanno fiutato la trappola e non ne vogliono sentire parlare, ma Silvio in perfetta sintonia con Renzi e col Pd si dice pronto a cooperare per un presunto bene del Paese, acquisendo punti sulla stampa leccaculo del sistema, dove lo si fa passare per lungimirante e responsabile, senza spendere una riga per ricordare quanta gente in Grecia ha ringraziato la Troika dandosi fuoco nelle strade. Se poi a tutto questo aggiungiamo la patente di saggezza rilasciata niente popò di meno che da Prodi, il quadro è completo: ad Arcore c’era un santo e non lo sapevamo.

Ora non è chiaro in quale governo possa trovare posto Berlusconi, ed escludendo categoricamente che si tratti di un qualunque esecutivo con i Cinque Stelle, l’unico motivo per cui sta montando questa operazione nostalgia è per rimettere in qualche modo mano agli affari, spartirsi i soldi europei e quel po’ di ciccia che è rimasta attorno all’osso del Paese.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua