A chi non piace la Raggi. La sindaca colpevole a prescindere

di Gaetano Pedullà

Non piace alla gente che piace. Nei salotti, ai piani alti, tra i notabili di Roma c’è un solo nome che mette d’accordo tutti: Virginia Raggi, la sindaca colpevole a prescindere, fosse anche dei peccati millenari della città. I trasporti, per dire, da quando c’è lei sono una piaga d’Egitto, e si fa una fatica inutile a spiegare che l’azienda dei bus ha chiuso il primo bilancio in utile dai tempi di Romolo e Remo, e perciò sta acquistando centinaia di nuovi mezzi, che andranno a sostituire quelli vecchi, pericolosi e spesso andati a fuoco. Incassato il colpo, per chiudere la discussione arriva sistematicamente chi sentenzia che la Capitale fa schifo!

Eppure non è che prima splendesse, ed è fin troppo ovvio che continuando a dare ai privati centinaia di milioni per il trattamento dei rifiuti – come si è sempre fatto in passato – poi non resta un soldo per la pulizia e il decoro affidati al servizio pubblico. Solo aver resistito al monopolio privato e alle intimidazioni di chi ha dato a fuoco gli impianti comunali e centinaia di cassonetti varrebbe una medaglia e può darci una possibilità di avere in futuro una città migliore. A questo punto diventa divertente guardare le facce di chi sta sudando per cercare nella memoria qualche altro disastro della prima cittadina, fin quando dai ricordi più lontani tornano le buche. Avete presente?

Fino a qualche anno fa erano proverbiali, ne scrivevano pure i giornali stranieri e ci si facevano più battute che sui carabinieri. Facendo un po’ di pulizia, togliendo sprechi e ruberie, nonostante i debiti ereditati dalle Giunte precedenti, l’amministrazione grillina ha riasfaltato gran parte delle strade, facendo lavorare un mucchio di imprese e riportando su livelli fisiologici i rischi della viabilità. A questo punto scatta quindi la domanda: ma perché una sindaca così non piace? E la risposta non è mai sincera. C’è chi farfuglia, chi ammette di poterci ripensare, chi continua a cercare il pelo nell’uovo, ma il motivo vero è uno solo: la Raggi ha un peccato originale, è dei Cinque Stelle, fa le cose sul serio e non fa rubare.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Calenda e la stampa che piace

In un Paese dove si va continuamente a votare, e migliaia di candidati non hanno neppure un minuto sulle tv locali per presentarsi, il trattamento riservato a Carlo Calenda dice tutto su quanto e come sia schierata la stampa italiana. Anticipato da pagine e pagine di giornali, l’ex ragazzo dei Parioli, ma anche ex collaboratore…

Continua

Solo i 5S difendono scuole e imprese

Sono davvero forti i governatori di Regione, i politici di ogni calibro e gli opinionisti da salotto tv che chiedono in coro più rigore sul Covid ma senza far danno all’economia. Se le parole non sono fiato in libertà, il maggiore rigore vuol dire chiusure anticipate di molte attività, a partire dai già martoriati bar…

Continua

Governatori peggio del Covid

Mentre litigavamo in tv con quei mattacchioni della destre per cui le mascherine non servono a niente e Conte ci ha imposto una dittatura sanitaria, il virus ha fatto il suo corso e ora che siamo a quasi novemila contagi al giorno la situazione rischia di sfuggire di mano. I più irrequieti sono i governatori,…

Continua

Uno Stato che non spia ma ci tutela

La mattina accusano il Governo di varare norme liberticide, scavalcando il Parlamento col continuo ricorso ai Dpcm, e la sera protestano perché lo stesso Governo preso a schiaffi non li coinvolge nelle sue decisioni. Salvini e Meloni, in perenne sindrome da dottor Jekyll e Mister Hyde, continuano ad ignorare la realtà, col nuovo record dei…

Continua

Quanti folli che giocano col Coronavirus

Com’era prevedibile, siamo arrivati a quasi seimila nuovi contagi al giorno, 41 morti e i reparti Covid degli ospedali che tornano a riempirsi, ma c’è ancora un manipolo di irresponsabili che per imbecillità o miope polemica col Governo minimizza la pandemia, accusa a casaccio Conte e il ministro Speranza di azioni liberticide, paragonandoli addirittura alla…

Continua

A Roma fanno santi Libano e il Dandy

A furia di raccontare a teleschermi unificati che i 5 Stelle sono incapaci e impreparati, molte persone si sono convinte che questo sia vero, e adesso anche se li vedessero camminassero sulle acque salverebbero Barabba e pure Lucifero piuttosto che Di Maio e C. Colpa anche del Movimento, che con tanti eletti e attivisti non…

Continua

L’illusione di una destra responsabile

Ad azzeccare le previsioni col senno di poi sono bravi tutti, ma sull’impennata dei casi di Covid non c’erano mai stati dubbi, tanto che sentivamo parlare da mesi di seconda ondata della pandemia. Lo stato d’emergenza prorogato dal Governo e gli inviti a comportamenti prudenti, a partire dall’uso delle mascherine, dunque erano ovvi, così come…

Continua

Dai Benetton l’ultima presa in giro

Ci hanno messo due anni, ma alla fine i Benetton hanno gettato la maschera. La vecchia politica gli ha dato le autostrade e guai a chi gliele tocca. Certo, c’è quel piccolo dettaglio del ponte Morandi di Genova crollato con 43 morti, ma prima dell’arrivo dei Cinque Stellle al Governo 40 persone avevano perso la…

Continua

Montesano stavolta non fa ridere

Nel film Febbre da cavallo ci ha fatto molto ridere, ma stavolta Enrico Montesano ha sbagliato malattia, e a quanto pare dopodomani sarà in piazza a Roma, alla manifestazione di pochi buontemponi che per non insultarli diversamente definiremo negazionisti. Con ottime compagnie, tipo la deputata No Vax Sara Cunial, quella che ha strappato nell’Aula della…

Continua

Troppe leggende sui decreti sicurezza

Ora che sono stati modificati, sarebbe bene smetterla con due leggende sui decreti sicurezza. La prima: che piacessero o meno, il merito della stretta su sbarchi e delinquenza non era solo di Matteo Salvini, perché a votare quelle leggi fu l’intera maggioranza gialloverde, seppure con alcuni mal di pancia nei Cinque Stelle. La seconda: nel…

Continua