L'Editoriale

A Virgì scordamoce sti scribani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di lei. Nella Capitale d’altra parte non manca nulla: le amministrazioni di Sinistra, di Destra e marziane hanno spolpato le casse pubbliche, dimenticato le periferie e chiuso un occhio e più spesso tutti e due davanti a privilegi e ruberie. La città è dunque malandata, anche perché ai tempi di tanto scempio i giornali avevano altro da fare che massacrare il Campidoglio, a meno che qualche delibera andasse di traverso agli editori-costruttori della stampa locale, o il primo cittadino non fosse malauguratamente del Pd o dei suoi antenati, turbando in questo modo la familiarità politica del grosso dei redattori della cronaca cittadina dei maggiori quotidiani nazionali. Ieri così sul Corsera è apparso quello che veniva annunciato come l’ennesimo ritratto della Raggi, e invece era solo un copia-incolla di luoghi comuni e balle delle opposizioni, che nel caso di questa sindaca spaziano dai partiti ansiosi di tornare alle vecchie mangiatoie sino ai salotti radical chic, dove quelle stesse mangiatoie recapitavano i soldi dei romani. Spezzare quel sistema è naturale che in certi ambienti non sia popolare. Quindi viva la libera stampa, padrona di dire le fesserie che vuole. Ma la storia della Raggi è un’altra. E i romani che non si fanno abbindolare lo sanno.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA