Affrontare uniti l’emergenza Coronavirus. Ma nel Centrodestra sgarrano tutti

di Gaetano Pedullà

Alessandro Manzoni ne fece una delle più belle allegorie del genere umano. Presi com’erano dal darsele di santa ragione, i capponi di Renzo non potevano accorgersi di essere destinati alla stessa padella. Ecco, esattamente come stiamo facendo noi, autentici polli che un sacco di gente non vede l’ora di assaggiare, invece di unire le forze per affrontare la diffusione del Coronavirus, litighiamo su tutto e offriamo al mondo la nostra immagine peggiore. L’intervista data da Matteo Salvini a un quotidiano spagnolo (leggi l’articolo) è in questo senso da antologia. Semmai qualche coraggioso turista avesse pensato di venire in vacanza in Italia, dopo aver sentito il leader leghista avrà certamente optato per un safari a mani nude in mezzo ai leoni, considerandolo di gran lunga meno pericoloso.

Purtroppo quello del capo del Carroccio sta diventando un caso umano, e dopo l’errore monumentale dell’uscita dal governo gialloverde non sa più che inventarsi per far parlare di sé, col risultato di straparlare e indispettire i suoi stessi elettori. Così dopo aver preso il partito al 4% e averlo portato sulla vetta stimata del 38% nei giorni alcolici del Papeete, adesso ha già perso – sempre secondo le ultime stime – ben 11 punti, e se i suoi colonnelli non tirano fuori gli attributi e lo fermano, il sedicente Capitano riporterà la Lega sulle stesse percentuali minime in cui l’ha trovata. Ma di situazioni paradossali non c’è solo questa.

I nostri giornali sono co-responsabili degli scenari da day after che vediamo attorno a noi, con l’economia paralizzata da una malattia che non va affrontata facendo testamento, ma utilizzando tutte le misure di prevenzione possibile, molte delle quali basiche e di normale buon senso. La più grande follia è però quella di chi ha riesumato la questione meridionale, gettando nello stesso calderone di paure per la salute e ricadute economiche anche gli antichi preconcetti che separano il Nord e il Sud del Paese.

QUESTIONE MERIDIONALE. Una faida aperta da una provocazione del presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, che chiedeva ai turisti settentrionali residenti delle zone rosse (cioè più soggette alla diffusione del virus) di non andare in Sicilia, in quanto priva dei necessari controlli sanitari negli aeroporti. Prima sui social network e poi sui media tradizionali molti hanno preso fischi per fiaschi e su questa scia il quotidiano Libero ieri ha partorito il titolo di prima pagina più squallido della sua collezione di titoli squallidi: “Virus alla conquista del Sud. L’infezione crea l’unità d’Italia”. Con l’emergere delle prime infezioni anche nel Centro e nel Meridione “ora sì che siamo tutti fratelli”, spiegava meglio il quotidiano di Vittorio Feltri.

Mal comune mezzo gaudio, insomma, quasi festeggiando che la malattia cominciasse a estendersi tra i terroni, non sia mai – ha commentato qualcuno – che quei fannulloni mantenuti dal Reddito di cittadinanza se la passino meglio dei laboriosi abitanti del Nord. Paolo Liguori, un giornalista dalle idee non sempre condivisibili ma sicuramente di valore, ci metteva poi un altro carico sopra, sostenendo che “senza la Lombardia la Sicilia può solo finire in Africa”. E giù altre migliaia di commenti sui soliti social, incendiati dalle accuse reciproche di nordisti e suddisti.

ACCUSE GRATUITE. Mancava solo la dichiarazione di guerra per certificare in tutto il pianeta che siamo un Paese in preda a una crisi di nervi, diviso e divisivo, incapace di fare squadra anche nei momenti peggiori. Niente a che vedere con gli americani, per capirci, che dopo l’attacco alle torri gemelle, di fronte a un pericolo comune, si dimenticarono di essere democratici e repubblicani, bianchi e neri, e si diedero da fare con il loro governo per affrontare il nemico. Qui, nell’eterno Paese dei campanili, da sempre diviso su tutto – Orazi e Curiazi, Guelfi e Ghibellini, laziali e romanisti – invece ciascuno pensa al suo orticello. La priorità delle opposizioni resta quella di mettere in croce il Governo, anche perché l’emergenza ha reso impossibile un veloce ritorno alle urne, e il premier che gestisce la situazione sul campo si sta rafforzando, con tutti i suoi ministri, che i giornali fiancheggiatori del Centrodestra non esitano a definire incapaci, senza però neanche provare a dirci che altro dovrebbero fare.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua