L'Editoriale

Assurdo pagare il web due volte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La partita è stata dura ed è finita con l’Enel che ha battuto Telecom sei a zero. Sei sono i miliardi in palio per dotare il Paese della banda ultra larga che porterà internet veloce nelle nostre case. Il risultato però non inganni: Enel (che notoriamente si occupa di energia) batte in trasferta Telecom (che invece è il primo player nazionale nei servizi web) solo grazie a un arbitro “cornuto”. Indebitate come sono, Enel e Telecom stravedevano per quei sei miliardi stanziati dallo Stato. Mentre Enel però è in mano a manager renziani, Telecom ha oggi come azionista di riferimento il finanziere bretone Bollorè. In un mercato aperto i due concorrenti avrebbero corso perlomeno ad armi pari, e Telecom avrebbe fatto valere le sue competenze nel settore delle Tlc.

Invece Palazzo Chigi ha deciso, attraverso una serie di azioni che passano dalla Cassa Depositi e Prestiti e la strategia Metroweb, di far vincere Enel. Ed Enel ha vinto. Agli italiani che certo non si stracciano le vesti per nessuno dei due ex monopolisti, il dirigismo di Palazzo Chigi può interessare poco, a patto che i nuovi servizi foraggiati con sei miliardi pubblici non si paghino. Quello che invece rischia di accadere.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA