Bancarotta dell’orgoglio nazionale

di Gaetano Pedullà

Un Paese colonizzato. La nomina del francese Mustier alla guida di Unicredit è l’emblema di quanto il sistema Italia sia bollito. Tra gli interessi di bottega dei soci e l’assordante silenzio di un Governo che non si pone il problema di chi gestirà il credito per milioni di cittadini, la cassa passa a un signore che non parla bene neppure la nostra lingua. In un momento in cui il credito è vitale per tenere in piedi quel po’ di economia che ancora funziona, una banca dovrebbe prima di ogni cosa parlare con i clienti, capirli, ascoltarli. Mica facile se al timone ci finisce chi non capisce nemmeno la lingua. Argomento che non ha impedito la stessa scelta alle Generali. Eppure è così ovvio che questi manager dovendo scegliersi i loro avvocati, consulenti e, soprattutto, i loro veri interessi, tra Parigi e l’Italietta che pure li strapaga non avranno dubbi. Per questo, senza condizionare il mercato, il Governo di uno Stato in difficoltà come il nostro avrebbe dovuto pretendere qualche assicurazione. Cosa che non è avvenuta. Il solito campo libero per i poteri forti. Di qualunque bandiera. Tranne poi ricordarsi della banca di sistema serve quando c’è da tamponare i disastri.

Lascia un commento

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

I Benetton ora sanno chi è Conte

Per la serie non è mai troppo tardi, il governatore ligure Toti ha fatto causa alla società Autostrade controllata dai Benetton, mettendoci dentro per par condicio anche il Ministero dei trasporti, tanto ormai tra Stato e Regioni manca solo la consegna della dichiarazione di guerra. Purtroppo lo stesso Toti e la sua parte politica, a…

Continua

Le concessioni sono solo l’inizio. Ora il Paese può cambiare

A prendere sul serio quello che si dice su tutti i canali tv, l’Italia è spacciata. Nessuno è stato aiutato, a settembre ci saranno milioni di licenziamenti, e ovviamente il Governo dorme. Morale della favola: votate Salvini con Berlusconi e la Meloni, che toglieranno le tasse, ci libereranno dagli immigrati che rubano il lavoro agli…

Continua

A chi giova l’operazione nostalgia

Se la politica è l’arte del possibile, con Romano Prodi arriviamo all’impossibile. In fin dei conti parliamo di un signore che riuscì a sapere in una seduta spiritica in quale via era tenuto prigioniero Aldo Moro, salvo poi spedire la polizia da tutt’altra parte. Manager democristiano dell’Iri che spendeva e spandeva miliardi pubblici, ma anche…

Continua

Salvini e Toti sotto a un ponte

Quelli che ieri hanno usato il nuovo ponte di Genova per dimostrare che la revoca della concessione ai Benetton è stata una presa in giro da parte del premier Conte e dei 5 Stelle (ad esempio Salvini e Toti) sono più falsi di una moneta da tre euro. In realtà, l’affidamento temporaneo alla società Autostrade,…

Continua

Chi copre i signori dei caselli

Sono dispiaciutissimo, ma devo riconoscere la sconfitta. L’altra sera nella trasmissione tv di Nicola Porro ho provato a far dire al governatore Giovanni Toti se sta dalla parte degli automobilisti liguri o dei Benetton, e lui nonostante non sia esattamente filiforme mi è sfuggito come un’anguilla. Certo il contesto del programma non aiutava, e decenni…

Continua

Una favola e Toti salva i Benetton

Una regione fatta prigioniera e chi se ne dovrebbe vergognare impazza in tv facendo campagna elettorale, ovviamente trasferendo ad altri le responsabilità proprie e di chi guadagna un sacco di soldi proprio per impedire un tale disagio. Ha dell’incredibile quello che accade da giorni in Liguria, con le autostrade paralizzate per i controlli sulla stabilità…

Continua

Un assalto indecente a Toninelli

Lasciatevelo dire da chi di aggressioni verbali se ne intende, benché essere bullizzato nei talk show televisivi da tutti gli ospiti contro uno, piuttosto che venire coperto da insulti sui social network, è nulla rispetto all’accerchiamento subito qualche giorno fa dall’ex ministro Danilo Toninelli. Per chi ha di meglio da fare che seguire la pagina…

Continua

Pure alleati M5S e Pd sono diversi

Allearsi su specifici obiettivi non significa fondersi, e se a invitare 5 Stelle e Pd a un supplemento di riflessione è anche il premier Giuseppe Conte, pure le basi più recalcitranti dovrebbero valutarne meglio i pro e i contro. Il Movimento, con la sua giovane storia, è cosa ben diversa dai dem, che non hanno…

Continua

Basta regali, condoni e l’inutile Tav

Chi sperava in una raffica di condoni con la scusa dell’economia in stallo per il Covid deve rassegnarsi ad attendere un altro Governo in chissà quale altra legislatura. A chiarirlo è stato ieri lo stesso premier Giuseppe Conte, ammettendo che non c’è riforma più urgente del semplificare la nostra burocrazia, ma questo non significa fare…

Continua

La Verità che sa di balla

Cari lettori de La Notizia, giovedì scorso abbiamo saputo che non esistete nemmeno, perché il direttore di un giornale nato alcuni anni dopo di noi ha sentenziato così, svicolando in questa maniera dalla balla di un milione di cassa integrati non pagati dall’Inps, e soprattutto dalla vergogna del ripristino dei vitalizi per gli ex senatori.…

Continua