L'Editoriale

Bankitalia non può nascondersi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La Banca d’Italia ha perso un’altra occasione per riconciliare i risparmiatori con il sistema del credito. Ai duecento investitori che ieri protestavano davanti Palazzo Kock non è stata data neppure la possibilità di avvicinarsi all’istituto che doveva vigilare su quei soldi e non l’ha fatto. I malcapitati – certo non incalliti speculatori finanziari – hanno chiesto di incontrare il governatore Ignazio Visco. Lo stesso che in questi giorni passa da un’intervista su Repubblica ai riflettori dello studio Tv di Fabio Fazio. Interviste con un unico finale tutt’altro che a sorpresa: la Banca d’Italia si assolve da ogni responsabilità. Le quattro Popolari finite nel crac, insomma, sono una fatalità o un incidente del destino. Ora che questi stessi concetti andavano spiegati in faccia a chi ci ha rimesso i risparmi di una vita ecco però che del governatore non c’è traccia. Bel modo davvero di assumersi quelle responsabilità che solo poche ore prima il Presidente della Repubblica aveva chiesto di non ignorare, perché si sono verificati fatti gravi e tutelare il risparmio è un valore primario. Mentre la fiducia degli italiani nelle banche crolla, in Bankitalia ci si nasconde.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA