L'Editoriale

Basta armi proibite sulla scuola

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il tempo delle scelte sulla scuola si avvicina. Da oggi si inizia a votare alla Camera su una riforma che i sindacati hanno trasformato in una sorta di ultima spiaggia contro il Governo. Per questo si stanno usando tutte le munizioni disponibili, compresa qualche arma proibita e dagli effetti collaterali devastanti. Se usare lo sciopero è nella norma per confederali e cobas, arrivare a bloccare gli scrutini significa infatti dare una lezione imperdonabile agli studenti, mollati dagli insegnanti ai quali si sono affidati proprio nel momento più delicato. Un ricatto che il Garante sugli scioperi ha già definito inaccettabile, ipotizzando la precettazione. Comunque la si pensi sulla legge in discussione, quella che stiamo vedendo in queste settimane non è una bella lezione. A scuola non si apprende solo studiando. Spesso bisogna andare fuori dalle aule per trovare le lezioni più importanti, quelle che formano profondamente i caratteri e i principi su cui baseremo il nostro essere cittadini e parte di una comunità. Per questo certi esempi possono avere effetti gravissimi. Incorreggibili.

Gli ultimi editoriali