Basta sciacallaggi delle Destre. Così ammazzano il Paese

di Gaetano Pedullà

Chiamiamolo col suo nome: alto tradimento. Chi sta fomentando anche indirettamente il malcontento che c’è nel Paese, spingendo i cittadini rimasti senza un soldo persino per la spesa ad assaltare i supermercati, sappia che così non si mette in croce il Governo o la maggioranza che lo sostiene, ma la stessa democrazia e i princìpi della Costituzione. Le destre che in Parlamento hanno detto di voler dare un contributo per farci uscire tutti da questa terribile fase di emergenza, la smettano perciò di sparare balle come il regalo di cinquanta milioni alle imprese della Tunisia mentre qui non si trovano le mascherine e negli ospedali manca di tutto.

Il regalo è in realtà un prestito sottoscritto nel 2017 con la Cassa depositi e prestiti, che pertanto non può avere nessun nesso con la pandemia esplosa poco più di due mesi fa. D’altra parte, il tempo degli sciacalli viene quando per la preda non c’è più scampo, e invece l’Italia non è morta, sta combattendo meravigliosamente per battere il virus, con i medici, gli infermieri, le persone chiuse in casa e orgogliose sui balconi, e pertanto non merita di essere ingannata da una politica tanto becera. Detto questo però c’è un problema. Chi ha un posto pubblico o lavora per grandi imprese private, pur restando a casa ormai da tre settimane ha ricevuto in questi giorni l’accredito dello stipendio. Ma per tutti gli altri la situazione è talvolta drammatica.

Le piccole imprese che non hanno più visto un pagamento da febbraio, i lavoratori autonomi, i professionisti e chi si dà da fare anche in nero – e qui me ne frego se qualcuno vorrà sgridarmi perché mi preoccupo più della sopravvivenza che delle tasse non pagate – in molti casi non hanno riserve finanziarie. Perché saremo pure un popolo di risparmiatori, ma l’economia arranca da anni e il tanto bistrattato Reddito di cittadinanza ha messo una pezza e non certo dissolto l’indecenza di uno Stato arrivato a contare cinque milioni di persone in povertà assoluta.

AGIRE SUBITO. Per tutti questi cittadini bisogna fare quindi qualcosa, e farlo subito. Mentre in Europa chiedono dieci giorni solo per decidere se autorizzare i Covid-bond, il reggente dei Cinque Stelle, Vito Crimi, ha riunito ieri tutti i ministri del Movimento per fare in modo che già la prossima settimana in un modo o nell’altro arrivino i primi soldi nelle tasche almeno di chi ne ha diritto in base al decreto Cura Italia. Subito dopo, però, a tamburo battente, bisognerà pensare agli altri, e pazienza se al solito ci saranno degli approfittatori: qui si tratta veramente di far campare la gente.

Parallelamente va imbastito un gioco di squadra. Ineccepibile il ruolo del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, tornato ieri a suonare la sveglia a un’Europa ancora una volta a corto di solidarietà. E prezioso il lavoro svolto dal premier Giuseppe Conte, che forse non otterrà i soldi vincolati nella trappola del Mes, ma con la sua autorevolezza e la capacità di portare dalla stessa parte anche la Spagna, costringerà i Paesi del Nord Europa a tenersi per ogni giorno del loro avvenire la macchia di un egosismo più forte della pandemia e di migliaia di morti. Un regalo gigantesco ai partiti sovranisti e di fatto l’innesco della fine di un’Unione europea bella nelle intenzioni ma tragica in gran parte delle sue azioni.

Nello stesso gioco di squadra difficilmente vedremo il Centrodestra, malgrado l’europeismo sbandierato da un Berlusconi ormai del tutto marginale rispetto a Salvini e la Meloni. Questi ultimi due ancora ieri hanno chiesto a Conte – quello che la leader di Fratelli d’Italia ha definito un criminale – di essere coinvolti nella trattativa con quella stessa Europa che vogliono distruggere. Portarseli al seguito in delegazione significherebbe perciò perdere ogni negoziato ancor prima di iniziare. Se volessero aiutare davvero, il massimo che possono fare è stare in panchina e smetterla di tifare per chi ci gioca contro. Può sembrare poca cosa, ma gli italiani sono stanchi di polemiche e colpi bassi, e i segni di ripresa nei sondaggi elettorali per M5S e Pd, mentre la Lega ormai se lo sogna il 38% dei giorni del Papeete, testimoniano che la sobrietà e la serietà pagano più del clamore con cui si insegue qualche nuovo like.

Un discorso che vale uguale uguale per l’altro Matteo (Renzi) innamorato del progetto di un governo Draghi, mentre Liberi e Uguali e soprattutto il Pd, più leali col premier e in fin dei conti, in un momento così difficile, con l’Italia, corrano per approvare in Parlamento i decreti con cui si rendono disponibili le ingenti risorse economiche fin qui stanziate. I Cinque Stelle, infine, oltre che puntellare un presidente del Consiglio che sta affrontando con saggezza una situazione inedita per drammaticità e necessità di intervento, continuino a farsi voce, lacrime e speranza di tutti coloro che stanno pagando un prezzo altissimo anche economicamente, perché una volta sconfitto il virus riparta un’Italia dove nessuno è lasciato indietro. Un’Italia migliore.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La destra più vigliacca di sempre

Gli appassionati del nostro sempre più imbarazzante regionalismo si segnino che ieri a Reggio Calabria è crollato il tetto del Consiglio regionale mentre in Puglia si sono schiantati decenni di battaglie per la parità di genere, con il Governo Conte costretto a nominare un prefetto per dare alle donne una vera chance di successo alle…

Continua

La condanna di Matteo c’è già stata

Se quella sui camici di Fontana è un’inchiesta a orologeria, ovviamente l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è un processo politico. Dicono così dalle parti della destra più becera e meno legalitaria del mondo, trascinata da quasi tre decenni di berlusconismo nella più smaccata insofferenza verso tutto ciò che ha a che fare con la…

Continua

I renziani affamati di poltrone

Chissà chi sta messo peggio tra i due Matteo, uno che oggi rischia di finire sotto processo per la vicenda Open Arms e l’altro che ormai stabile nei sondaggi sotto al 5% comincia a non governare più la sua truppa. Proprio per questo motivo ieri al Senato è saltato l’accordo politico sulle presidenze delle commissioni…

Continua

La dittatura sanitaria e altre bugie

Con la credibilità di chi prima voleva tutto aperto, poi tutto chiuso, adesso tutti in giro senza mascherina perché il Covid è finito, ma a patto che non si tratti di migranti perché spargono il Covid (ma non era finito?), ieri Matteo Salvini ha fatto in Senato un altro show, dopo il delirante convegno negazionista…

Continua

Un comitato scientifico da paura

Se vi hanno appassionato le giravolte dei virologi, il nuovo comitato tecnico scientifico presieduto da Salvini, Sgarbi e Bocelli vi entusiasmerà ancora di più. I luminari, notoriamente esperti di virus e pestilenze, ieri ci hanno informato che ancora oggi milioni di persone fanno finta di contagiarsi nel mondo, perché prendersi il Covid deve essere diventato…

Continua

Manca Totò alla tavola dei Fondi Ue

La pappa non è ancora arrivata ma un sacco di gente si è già seduta a tavola. E vista la fame di questi tempi, il finale di Miseria e nobiltà, con Totò che si infila in tasca gli spaghetti, sarà nulla a confronto. Parliamo del Recovery Fund, la montagna di miliardi che il premier Giuseppe…

Continua

Recovery festival delle bugie

Non ne azzeccano una neanche per sbaglio, ma più sono smentiti dai fatti più girovagano per le tv a confondere le acque su quello che è appena successo in Europa. La quasi totalità dei giornalisti fissi nei talk show anziché chiedere scusa per aver sballato tutte le previsioni sul Recovery Fund, da ieri ci spiegano…

Continua

Aspettando gli aiuti di Paragone

Tra i fenomeni da circo della politica italiana quest’estate va di moda il numero della testa nella bocca del leone. La capoccia ovviamente non è quella di Lorsignori ma la nostra, che secondo mezzo Pd e i soliti Renzi, Calenda e Berlusconi (sempre più anime di uno stesso partito) dovremmo  infilare nella tagliola del Mes,…

Continua

A Bruxelles vincono gli egoismi

Mentre un esercito di volpi della politica italiana, anche nel Governo, non risparmia critiche a Conte e ai Cinque Stelle perché si ostinano prudentemente a non chiedere i soldi del Mes, l’Europa getta la maschera, rivelando di essere a malapena un’Unione mercantile, perennemente a corto di valori come la solidarietà tra Stati o la condivisione…

Continua

A Virgì scordamoce sti scribani

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di…

Continua