C’è lo spot del Coronavirus

di Gaetano Pedullà

Armiamoci di pazienza e mettiamoci l’anima in pace, a meno di non volerci portare sulla coscienza altre migliaia di vittime. Fino al 13 aprile si deve restare a casa, e contribuire tutti a fermare un’epidemia che sta rallentando, ma può metterci un attimo a ripartire e ad esplodere, soprattutto nelle regioni del Sud dove finora si è vista pochissimo. Ieri il premier Giuseppe Conte ha annunciato le nuove restrizioni, dopo aver incontrato le opposizioni, e in orario utile a non disturbare la suscettibilità dei giornalisti, che dopo le 21 vogliono andare a dormire e non sia mai che si debba ancora lavorare. Per vincere questa battaglia, però, il nostro sacrificio da solo non basta. Alla lista degli sciacalli che soffiano sul malcontento per questo stato di reclusione forzata, ieri si sono aggiunti gli hacker che hanno attaccato il sito dell’Inps proprio mentre migliaia di persone inserivano i dati per ottenere il sostegno economico previsto dal Governo.

NEMICI DELL’ITALIA. A chi giovi un gesto talmente vigliacco e sconsiderato è un mistero sul quale stanno indagando anche i nostri Servizi segreti, visto che i fanatici intenzionati a destabilizzare il Paese possono essere in giro per il mondo. Più probabilmente sono italiani i farabutti che hanno manomesso a Roma il servizio informatico dell’ospedale Spallanzani, cioè il centro di eccellenza nella cura dei contagiati dal Covid-19. Ben per loro se questi sabotatori riusciranno a restare nell’ombra, perché nel caso vengano scoperti c’è da sperare che finiscano dietro le sbarre e la chiave per uscire sia buttata via per sempre.

OPPORTUNISTI. Chi resta libero di continuare a raccontare fesserie o di lucrare politicamente dal virus sono invece Salvini e la Meloni, in buona compagnia con Renzi, e soprattutto i governatori di Regione del calibro di Giovanni Toti e Attilio Fontana (nella foto). I leader della Lega e di Fratelli d’Italia, con lo stuolo dei loro parlamentari e i giornali di complemento Libero, il Giornale e La Verità, da mesi fanno a gara con Cetto Laqualunque su chi la spara più grossa. Il Governo trova 25 miliardi? Sono pochi, ce ne vogliono 200 (e perché non 500? Tanto sognare non costa nulla). Renzi invece cavalca il lato confindustriale, come gli è sempre venuto meglio, perfetto epigone della Sinistra Champagne degli ultimi decenni, lisciando il pelo alle imprese che hanno a cuore più il fatturato in euro che quello dei morti in rianimazione.

ASTINENZA DA PALCOSCENICO. Quella più sorprendente è però la strumentalizzazione dei presidenti di Regione, alcuni dei quali con le elezioni alle porte e dunque in evidente ricerca di un palcoscenico. Due giorni fa insieme a un manipolo di sindaci, prevalentemente del Pd, hanno pubblicato una lettera a pagamento su un giornale tedesco, attirando chissà quanta curiosità visto che in Germania tali signori sono sconosciuti come da noi i presidente dei Lender, cioè i loro equivalenti teutonici.

La palma dell’opportunismo va però senza concorrenza al governatore della Lombardia, che dopo aver chiamato dall’Africa Guido Bertolaso per aprire in dieci giorni un ospedale da 500 posti, ha inaugurato la struttura nei tempi previsti, sorvolando sul fatto che i posti sono solo 8 e non si sa quando e come arriveranno a 24. Un flop spacciato per grande successo, facendo torto alla serietà e all’intelligenza dei milanesi, e che per essere celebrato aveva bisogno di una inaugurazione in pompa magna, con conferenza stampa e assembramento di fotografi e giornalisti, alla faccia dei divieti. L’ennesimo spot gentilmente offerto dallo sponsor Coronavirus.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua