L'Editoriale

C’è un’Europa che fa il tifo per lo sfascio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se c’è ancora una speranza di salvare almeno l’idea di una Unione europea, questo è il momento di agire. Fragile, divisa, senza politiche comuni su nulla, l’Ue è un gigante dai piedi d’argilla. E la moneta affidata a una Banca centrale che rispecchia il caos tra i diversi Stati non è più un ombrello sufficiente a proteggerci dalla tempesta scatenata sui mercati finanziari. Anche grazie a norme suicida come il bail-in, le banche zeppe di crediti non esigibili sono un bersaglio facile. Certo, se dietro ai grandi gruppi, tanto italiani quanto francesi o britannici, ci fossero istituzioni solide e armate di ben altro che il bazooka affidato a Mario Draghi, scommettere contro l’Europa sarebbe suicida. Ma queste istituzioni solide non ci sono e allora ecco l’attacco. Il rialzo degli spread, proprio mentre la Bce immette montagne di liquidità, è la prova che Draghi sa di che parla quando fa riferimento a una grande cospirazione internazionale contro il vecchio continente. Si può reagire a tutto questo? Sì, se l’Europa ammettesse il problema e si attrezzasse per affrontarlo. Ma questo non succede. Evidentemente perché anche nell’Unione c’è chi fa il tifo per lo sfascio.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA