Che bugia il lazzaretto Italia

di Gaetano Pedullà

Ma veramente pensiamo di mandare a reti tv ed edicole unificate sempre lo stesso messaggio di allarme, di paura e di fine del mondo, e poi meravigliarci se tutti ci trattino come appestati? Certo, l’Italia sta facendo i conti col coronavirus, ma per quel poco che sappiamo di questa epidemia è da escludere che siamo all’Apocalisse. Il tasso di mortalità è basso, tante persone sono già guarite e prendendo pochi accorgimenti possiamo proteggerci abbastanza efficacemente. Quindi perché continuare a diffondere il panico, terrorizzando la popolazione, mettendo in ginocchio la nostra economia e le imprese?

Ieri i titoli sparati a tutta prima pagina dai giornali di area del Centrodestra sembravano fotocopiati. Ed erano da brividi. “Il premier scatena la psicosi”, scriveva Il Tempo, “La vera emergenza è il Contevirus”, ironizzava senza far ridere La Verità, “Conte, che figuraccia”, aggiungeva Libero e il Giornale era il più lapidario di tutti: “Il virus è Conte”. Avete capito, insomma: pur di attaccare il capo del Governo si è scatenata una stampa che è poco definire anti-italiana, talmente abituata a spargere falsità sulle tasse che aumentano quando non è vero, sui Cinque Stelle diventati la nuova casta mentre sono gli unici che tagliano poltrone e vitalizi, sul Pd che fa da regista del sistema di Bibbiano (la versione 2.0 dei comunisti che mangiano i bambini), da spararle altrettanto grosse anche quando c’è di mezzo la salute e il rischio di un danno spaventoso al turismo e all’export del Paese.

Ora sinceramente fa un po’ pena mettere nello stesso unico calderone il premier Giuseppe Conte che va in tv per rassicurare i cittadini e spiegare cosa si sta facendo per tutelare la salute di tutti, con i virologi che spargono il terrore mentre hanno già pronta un’Antologia del terrore da vendere in libreria (a proposito, corriamo a comprare il libro in uscita di Burioni!) e soprattutto con una propaganda politica spacciata per giornalismo, visto che persino la Meloni, Berlusconi e persino Renzi in questo momento di difficoltà hanno il buon senso “elettorale” di starsene in silenzio. Più irrequieto è solo Matteo Salvini, ma ormai di lui si sa che non resiste più di poche ore senza andare in onda o in copertina, e quando l’emergenza finirà – perché è certo che finirà, come sono finite dall’influenza suina alla Sars, a tutte le altre pandemie – la battaglia politica ripartirà più dura e virulenta di prima.

Allora la smettessero con tanta ipocrisia, e se Salvini, Meloni, Berlusconi con le sue televisioni e quanti altri ancora la pensano come i loro giornali e giornalisti di riferimento ci mettano la faccia, oppure si dissocino da un gioco al massacro sul buon nome dell’Italia, fatta passare come una propaggine del Terzo mondo, infetta e con le istituzioni che litigano tra loro, come i tragici capponi di Renzo, troppo presi dal darsele di santa ragione per capire che stavano finendo insieme nella stessa pentola.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Patrimoniale. Non vale la candela

Non c’era bisogno del Covid per vedere nella società italiana divisioni profonde, ma a leggere l’ultimo rapporto Censis, la pandemia ha fatto precipitare la situazione. I garantiti con lo stipendio fisso, possibilmente pubblico, e i pensionati, stanno molto meglio di Partite Iva e precari, magari in altri tempi pure benestanti grazie al lavoro nero. L’incertezza…

Continua

Un Dpcm che cerca l’equilibrio

Nel giorno in cui arriviamo a un passo dai mille morti per Covid arriva un Dpcm di Natale che bilancia lo spirito religioso della festa, con il desiderio delle famiglie di ricongiungersi, e la necessità di tenere alta la guardia contro la pandemia. Per chi continua a straparlare di mancanza di ragionevolezza, di dittatura sanitaria…

Continua

Regaliamo il buonsenso a Natale

Oggi il ministro Speranza ci dirà come e quando saranno distribuiti i vaccini: duecento milioni di dosi, per cominciare, che potrebbero non bastare se le Regioni torneranno a chiedere subito di riaprire tutto, comprese le piste da sci, i virologi ci convinceranno che il virus morto ad agosto e resuscitato a settembre stavolta è schiattato…

Continua

Casaleggio e le lobby senza freni

Doveva far cascare il mondo e invece lo scoop del secolo, anzi del millennio, è stato già derubricato al capitolo bufale. Un po’ troppo facile, anche in un Paese che ha meno memoria di un pesce rosso, e che ormai convive allegramente con i conflitti d’interessi, senza eccezione per l’informazione. Il presunto scandalo è quello…

Continua

Favori all’industria del fumo. L’ultima balla per colpire i 5 Stelle

Chi si ricorda dello “scoop” di un giornaletto scandalistico spagnolo sui miliardi regalati ai 5 Stelle dal governo del Venezuela? Era una tale balla che se n’è già persa la memoria. Eppure per giorni tenne banco nel dibattito politico, perché questo genere letterario affascina il sistema dell’informazione, disposto a bersi tutto pur di dimostrare che…

Continua

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua