L'Editoriale

Ci fregano anche sulle dosi di vaccino

vaccini Coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Tanto per cambiare, chi ci ha creato il problema ci venderà la soluzione. E così, invece di farci risarcire di un danno, pagheremo pure. E tanto. Questo sta accadendo sul fronte dei vaccini, sulla carta già pagati e in dosi più che sufficienti per tutta la popolazione europea, ma nei fatti ancora introvabili e in arrivo col contagocce.

Un epilogo molto diverso da quello promesso dalla Commissione europea, che molto opportunamente ha comprato le dosi a livello centrale, evitando in questo modo una concorrenza fratricida tra Paesi Ue, con un esito scontato: gli Stati ricchi avrebbero vaccinato tutta la loro popolazione mentre quelli poveri sarebbero stati condannati a un’attesa infinita.

A questo sistema di acquisto centralizzato sembra però che sfuggano dei lotti, venduti dagli stessi produttori – attraverso broker privati – a chi non fa discussioni sul prezzo. In questo modo si alimenta un mercato parallelo che indigna i cittadini senza vaccini mentre i morti si contano a centinaia.

Un sistema che fa arricchire gli immancabili sciacalli e ancor di più quel conglomerato di imprese da centinaia di miliardi che definiamo big pharma. L’industria che non sta rispettando i contratti, e vende pure parte dei suoi prodotti al migliore offerente, dopo aver goduto in tutto il mondo di aiuti pubblici alla ricerca, sconti fiscali e contratti miliardari, adesso fa la furba, senza che la politica o la grande stampa – a cui versa annualmente moltissimi denari – dicano niente.

Anzi, ieri il ministro Giorgetti (Lega) ha riunito i maggiori gruppi farmaceutici per “pregarli” di fabbricare in Italia i vaccini che non ci stanno consegnando le aziende titolari dei brevetti, in teoria concorrenti, ma nei fatti spesso collegate da rapporti societari e commerciali. Un “favore” che ovviamente lo Stato ricambierà profumatamente.

Così i vaccini prenotati chissà quando li vedremo, e alla fine pagheremo due volte per avere quello che un’industria storicamente aiutata da tutti gli Stati, senza esclusione di quello italiano, dovrebbe solo consegnare nei tempi previsti, e in ogni caso non rivendendo gli stessi vaccini a nazioni extraeuropee o alle regioni (anche italiane) che vogliono fare le furbe sgambettandosi tra loro.

Gli ultimi editoriali