L'Editoriale

Ci mancava la sindaca tassista

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Abbiamo avuto un premier operaio, ci mancava la sindaca tassista. Se accostare la parola operaio al miliardario Berlusconi sa di operetta, la Raggi che fa il capopopolo con i tassisti è una farsa. Anziché spiegarci i veri motivi dello scontro tra i Cinque Stelle sullo stadio della Roma, per non parlare della collezione di polizze a suo beneficio sottoscritte dall’ex capo della segreteria al quale ha triplicato lo stipendio pagato dal Comune, la sindaca della Capitale si traveste da ministro dei trasporti e sposa una causa nella quale non ha né arte né parte. Alzare l’asticella del senso del ridicolo sta però diventando una costante nel Movimento, con il leader Beppe Grillo che non si sottrae a dare il buon esempio.

Così ieri l’ex comico ci ha informati che Roma non è malandata come sembra. E semmai quella che va cambiata è la percezione del disagio. Una teoria che abbiamo già sentito con Berlusconi, quando ci diceva che i ristoranti erano pieni e la crisi dell’economia solo un’invenzione. Chi l’avrebbe detto che dopo tanti anni di politica Grillo sarebbe tornato a fare il comico. Rubando pure le battute.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Per la sinistra dei Tafazzi non c’è cura

Inutile nascondersi dietro alibi o rimpianti: il vaccino per il Covid l’hanno trovato ma per l’autolesionismo della Sinistra non c’è cura. A destra, dove Salvini e Meloni non si parlano e Forza Italia ormai ha poco da dire, come al solito si presenteranno con candidati

Continua »
TV E MEDIA