L'Editoriale

Con Matteo faremo ancora i conti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Dopo aver sbagliato tutto con il referendum, dal momento del disastro in poi Matteo Renzi non sta perdendo un colpo. Nell’ordine: le dimissioni subito dopo il verdetto, la commozione che ha fatto pentire tanti bonaccioni di avergli votato No, la segreteria del Pd tenuta stretta e la proroga del mandato come chiesto da Mattarella giusto per varare la Manovra. Tutto secondo il migliore copione di chi non ci pensa affatto a farsi da parte ma sta compiendo strategicamente un passo indietro per farne due avanti. Da capo del suo partito, Renzi sa che toccherà ancora a lui dare le carte per formare il prossimo governo e fissarne il perimetro, possibilmente al solo scopo di varare una nuova legge elettorale e andare presto a votare. E se si arrivasse in primavera, alla scadenza dei vertici di Eni, Enel & C. (cioè la ciccia del potere economico nel Paese) non fa niente perché gli attuali amministratori li ha nominati lui e la conferma di tutti per necessità non può stargli che bene. Per far questo gli serve però Berlusconi e sopravvivere al congresso Pd. A Cameron, che perso il referendum si è ritirato a vita privata, politicamente parlando è andata molto peggio.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA