Due Mattei col terrore di sparire

di Gaetano Pedullà

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi critica, e talvolta anche giustamente, il Governo Conte per le cose che non riesce a fare, sarebbe utile fare osservare che gli assi delle opposizioni all’interno e all’esterno all’Esecutivo hanno perso il lume della ragione.

Il primo, quello del partitino Italia morta, inchiodato al 4% e quasi certamente destinato a sparire dal Parlamento in caso di elezioni subito, ha in testa solo le nomine pubbliche, dove non potrà più piazzare le centinaia di amici e postulanti che ogni anno si presentano alla sua Leopolda, magari con ricche donazioni. Dopo aver usato l’alibi della prescrizione per tirare la corda e tenersi quante più poltrone (gli attuali manager e consiglieri delle partecipate pubbliche sono stati tutti nominati direttamente da lui o dal Governo Gentiloni) ora è terrorizzato che qualche suo parlamentare si metta in salvo da un leader impazzito e torni nel Pd. Così dell’ex rottamatore non ci sarà più bisogno in maggioranza e finalmente potrà andare a fare compagnia al suo omonimo frequentatore del Papeete.

Salvini, dopo l’errore monumentale del tradimento di Di Maio, ha sparato in pochi mesi tutte le cartucce che aveva per tenere i riflettori accesi su di sé, e se dovesse andare avanti così per tre anni arriverà a fine legislatura completamente spompato, facendo riscendere la Lega a livelli vicini al 4% dove l’aveva presa. Per questo, viste le prime avvisaglie in Emilia Romagna e nei sondaggi dove lo incalza la Meloni, non ha scelta che sparare ogni giorno una sciocchezza più grossa. Così a sentire l’ex ministro dell’Interno dovremmo uscire dell’Europa come ha fatto la Gran Bretagna, e pazienza se Londra con la sterlina e il paracadute americano può prendersi dei rischi che per noi con l’euro e 1.400 miliardi di debito pubblico sarebbero invece una certezza: il fallimento dello Stato. Un problemino da niente per chi preferisce andarsene a sciare o agitare il Paese dicendo fesserie.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un voto non fa primavera

Dopo aver detto peste e corna di qualunque cosa proposta dal Governo, ieri tutto il Centrodestra ha votato lo scostamento di bilancio. Nulla di eroico, sia chiaro. Se Salvini & C. avessero votato no, oltre ad essere certamente battuti in Parlamento, poi avrebbero dovuto inventare scuse più che robuste per giustificarsi con chi sta aspettando…

Continua

La sexy casalinga fa la spesa. Se questa è la tv pubblica anche pagare il canone è spazzatura

Mai avuto la sensazione di pestare l’acqua nel mortaio? Di girare a vuoto? Di essere presi sontuosamente per i fondelli? Chi segue tutti i giorni la politica – direte – deve averci fatto il callo, ma martedì scorso mi sono trovato con lo stesso senso di frustrazione di Baggio che sbaglia il rigore in finale…

Continua

La violenza la fanno ai Cinque Stelle

E siamo a tre. Dopo Giarrusso fatto passare per amico dei lobbisti, Morra accusato strumentalmente di discriminare i calabresi e i malati di cancro, ora tocca a Grillo. Da un anno il figlio Ciro è sotto indagine insieme a due amici per un presunto caso di stupro, e adesso – prima ancora del probabile rinvio…

Continua

Prenditori di Stato al casello

Quando la politica consegnò le autostrade ai privati, a cavallo tra la Prima e la Seconda Repubblica, sembrò che si fosse trovato l’uovo di colombo, cioè una soluzione facile a un problema difficile. Lo Stato smetteva di cacciare soldi, e anzi portava a casa qualcosa grazie ai canoni pagati dai concessionari, e questi ultimi facevano…

Continua

Lapidano Morra e non i boss

Anche se fosse stato di pessimo gusto e insensibile sulla compianta governatrice calabrese Jole Santelli – e Nicola Morra non lo è stato – che c’entra questo con le qualità necessarie per presiedere la Commissione parlamentare Antimafia? Se per contrastare le cosche bastasse Monsignor Della Casa, l’inventore del Galateo, la politica italiana ci fornisce da…

Continua

La bufala del Natale rubato

Ma davvero ci vogliono rubare il Natale? Alle Olimpiadi delle fake news dove i nostri giornali, tv e trombettieri dell’opposizione sono campioni, l’ultima parola d’ordine è questa: il Governo ci toglie pure il Natale. Tutto parte da una più che logica raccomandazione del presidente del Consiglio Giuseppe Conte (leggi l’articolo) a proposito dei cenoni e…

Continua

Dare spazio a questa destra è inutile

Niente di nuovo tra i cari alleati della destra italiana: nel 2018 fu Salvini a tradire Meloni e Berlusconi, lasciandoli all’opposizione mentre lui si pappava il Viminale, e ora è Berlusconi che vuole mollare Salvini e Meloni per fare da sostegno al Governo Conte. Begli amici, non c’è che dire. Anche se i numeri della…

Continua

Su Giarrusso vagonate di ipocrisia

Nell’Italia degli eterni conflitti d’interessi, da ieri per i Social il più puzzone di tutti è l’eurodeputato M5S Dino Giarrusso. Che ha fatto stavolta l’ex iena? Ha accettato dei piccoli aiuti economici per la campagna elettorale, dichiarando subito somme e donatori. Io che seguo la politica dai tempi della Prima Repubblica ricordo quanti miliardi di…

Continua

Il Movimento e le balle dei giornali

Non ci hanno mai capito niente prima, figuriamoci se potevano arrivarci adesso. Fior di giornali che parlano dei 5 Stelle solo per diffamarli, dire balle e dividerli, ieri hanno raccontato gli Stati Generali come fanno sempre: scrivendo fesserie. Per Repubblica “I 5S diventano un partito”, proposta che deve aver fatto il trentunesimo intervenuto, perché io…

Continua

Castellucci paghi con i padroni

Troppo facile. E anche ipocrita. Dopo essere stati serviti e rimpinzati di miliardi per anni, ieri i Benetton hanno finto di accorgersi che nel sistema delle autostrade succedevano porcherie, e perciò si sono bloccati i pagamenti ancora dovuti al loro ex amministratore delegato Giovanni Castellucci. Anzi, gli hanno pure chiesto di restituire qualcosa, non sia…

Continua