L'Editoriale

È la stampa (e il potere) bellezza!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Ci mancherebbe! Ognuno è libero di fare le classifiche che vuole, titoli di giornali scomodi compresi. Renzi l’ha fatto alla Leopolda e se non altro ha permesso a tutti di comprendere la distanza che c’è tra il suo Pd e gli altri mondi: i forcaioli del Fatto Quotidiano e i destri di Libero e il Giornale. Alla stampa che mette nero su bianco le proprie posizioni, la politica per una volta sembrava aver risposto con altrettanta chiarezza, senza ipocrisie o giochi sotto banco. Poi le luci della Leopolda, pagate da generosi sponsor, si spengono e si scopre che sotto banco non sempre certi mondi sono così contrapposti come vogliono farci credere. Se tra i finanziatori della kermesse renziana c’era infatti la potente associazione della sanità privata, è bastato che passassero solo poche ore dalla chiusura per vedere un emendamento alla Manovra con cui si permette alle Regioni di tornare a spendere per le cliniche accreditate. E chi è in assoluto uno dei più importanti patron di queste cliniche? Quell’Antonio Angelucci che oltre a detenere il record di deputato (di Forza Italia) assenteista e anche l’editore di quel Libero messo all’indice. È la stampa, e il potere, bellezza!

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA