L'Editoriale

Era ora di scoprire le carte

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Prima ha fatto il danno e ora ci piange sopra. La Sinistra Pd, che ufficialmente fa parte della maggioranza, ha tentato di bloccare la riforma del Senato abbandonando le trattative col Governo. Renzi – che si è fatto i suoi conti ed evidentemente sa di avere i numeri per far passare la legge – ha preso la palla al balzo e anziché fare un passo indietro ne ha fatti due avanti, uscendo dal pantano della discussione in commissione e portando il provvedimento direttamente in Aula. Un’accelerazione che le opposizioni definiscono una forzatura inaccettabile, ma che a questo punto è sacrosanta. Non si può lasciare oltre il Paese appeso a questo pasticcio del Senato. Una riforma che oltre ad essere bruttissima sta paralizzando il Parlamento oltre ogni buon senso. Il premier sa bene che se ha fatto male i conti, con questa mossa si scava la fossa da solo. Una spavalderia che comunica una sicurezza su possibili aiuti esterni a cui adesso credono in molti. Si scoprano allora le carte, e quanto prima si torni a lavorare sulle mille altre cose che servono al Paese. C’è una manovra da 27 miliardi da fare. E il 42% dei giovani senza lavoro. Ce ne vogliamo ricordare?

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »