L'Editoriale

Dopo l’inchiesta di Fanpage.it si accetti l’agente provocatore

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se la prima inchiesta giornalistica in Italia con un agente provocatore tira fuori l’immondizia che stiamo vedendo a Napoli, c’è da pensare che con lo stesso meccanismo consentito ai magistrati viene giù il mondo. Ammetterlo è triste quanto le immagini che inchiodano politici, amministratori pubblici e faccendieri ripresi dalle telecamere nascoste di Fanpage.it mentre si apparecchiano la tavola con tangenti milionarie. Per chi possiede una minima cultura garantista, questo modo per stanare corrotti e corruttori è da sempre inaccettabile, perché si sa che l’occasione fa l’uomo ladro. Ma qui tra un po’ i ladri sono le persone più rispettabili. E prima che passi il concetto che in politica – in tutta la politica – il più pulito ha la rogna, non resta che attivare tutti gli anticorpi possibili. Il giornalismo più coraggioso, con la schiena dritta, al quale anche questo giornale si ispira spesso in grande solitudine e con azioni di ogni genere per intimidirci e indebolirci, ha il merito ancora una volta di metterci di fronte a situazioni orribili. Una degenerazione che non permette più di far finta di niente. La facilità con cui uomini che amministrano denaro pubblico scendono a patti col primo corruttore che passa è inquietante. Segno di un sistema peggiore di quello che segnò la storia della Repubblica con la stagione di Tangentopoli. Anche gli agenti provocatori però devono essere in qualche modo regolati, affidandone la responsabilità a un magistrato, perché si abbiano più garanzie di quelle che può dare un’inchiesta fatta da chiunque.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA