L'Editoriale

Giornalismo di qualità senza tutele

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’Italia perde ancora posizioni nella classifica dei Paesi con maggiore libertà di stampa. Non è una notizia che riguarda solo giornali e giornalisti. Se persino in Moldavia e Lesotho c’è più possibilità di raccontare i fatti vuol dire che qui abbiamo un drammatico deficit di diritti. Quello che fa paura è però il motivo per cui scendiamo in questa classifica. Ovvio che non ci aiuta avere decine di giornalisti sotto scorta per le minacce della criminalità. Ma è un’altra la ragione più pesante, e qui il nemico sono magistrati e tribunali. Nessuno può impedire a chi si senta diffamato di querelare un giornale, ci mancherebbe, ma spesso i giudici decidono di rinviare a giudizio senza nemmeno leggere le carte. Col risultato di avere migliaia di giornalisti sotto processo, costretti con i loro editori a dissanguarsi per pagare gli avvocati. Senza contare le condanne, di frequente spropositate rispetto ai piccoli compensi percepiti da molti collaboratori. Così non è raro che a querelare siano dei veri delinquenti, ai quali non costa nulla avventurarsi in cause temerarie. La conseguenza è spingere i giornalisti a non graffiare o ad auto-censurarsi. E la stampa muore.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA