L'Editoriale

Gli effetti di una buona riforma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Un salto in avanti di 159mila assunti in più solo nel primo vero mese di applicazione del Jobs act è qualcosa di straordinario. Politica e giornali continuino pure a processare Renzi per i voti perduti alle regionali o per lo scontro con le opposizioni interne al Pd. Chissenefrega se poi con una sola riforma ci sono cen-to-cin-quan-ta-no-ve-mi-la uomini e donne che hanno un lavoro, e con questo una prospettiva per il loro futuro. La politica che guarda a se stessa e ai miseri giochi di Palazzo è merce per i sempre meno affezionati addetti al lavori. Alle persone comuni interessa pochissimo, come le puntate di Porta a Porta che non a caso per raccattare share fa una puntata di politica e due di madonne, cronaca nera, attori e cantanti. Diamo perciò il mongolino d’oro a chi si è stupito per quel 47% di elettori che domenica scorsa è andato al mare. La politica potrà tornare a interessare quando darà lavoro e risposte concrete ai problemi, a partire da sicurezza e salute. Con il Jobs Act una risposta c’è stata. Si poteva fare meglio? Sicuramente, ma non si poteva non fare. E una volta passati i processi resteranno i numeri. E gli effetti di una buona riforma.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA