L'Editoriale

I 5 Stelle e la maturità garantista

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Prima o poi anche il partito dei più onesti può addentare una mela marcia. Non è detto che questo sia già accaduto ai Cinque Stelle, che sulla vicenda del sindaco di Quarto sembrano più la parte lesa. La storia è però opaca e quindi è naturale che i duri e puri del Movimento chiedano il passo indietro della prima cittadina. Ma la soluzione giacobina garantisce sul serio dall’intrusione del malaffare in politica e nelle amministrazioni? Sicuramente no e le mele veramente marce possono farvi leva facilmente per liquidare chi resiste agli interessi più inconfessabili. Costruire dossier e sospetti è uno sport nazionale nel quale siamo imbattibili. Se poi i papelli si trasformano in un avvisi di garanzia la decapitazione è assicurata. Per questo esiste la giustizia con il suo corso e per questo un Paese che vuole dirsi civile non può non essere garantista, perseguendo chi delinque ma anche difendendo l’onorabilità fino a prova contraria di tutti i cittadini. Per i Cinque Stelle, che hanno fatto della questione morale una bandiera, ora è troppo facile lapidare il sindaco di Quarto. Ma non farlo sarebbe una prova di maturità. E di vera forza di fronte al malaffare.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA