L'Editoriale

I privilegi di chi ha santi in Paradiso

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

di Gaetano Pedullà

Oggi in alcune periferie romane sarà un giorno di paura. Nemmeno un anno fa quei quartieri furono allagati, con scene e danni identici a quelli appena visti a Genova o a Carrara. Dopo le inondazioni, Regione e Protezione civile promisero interventi. Non è stato fatto niente. Se pioverà come annunciato, gli abitanti perderanno di nuovo ogni cosa. Lo Stato ha tradito i suoi impegni e non può essere perdonato per il solito alibi che non c’erano i soldi. Perché se si vuole davvero di soldi se ne possono trovare tanti. Tagliando gli sprechi, è chiaro, ma anche facendosi dare il giusto da quei privilegiati con tanti santi in Paradiso da riuscire a ottenere ancora immensi regali. Il caso dei padroni del Gratta e vinci è emblematico. La società che ha le ricche concessioni è scappata all’estero portandosi quella che è oggi una tassa sulla povertà. In un Paese dove i normali contratti vietano di subaffittare un immobile, si può invece trasferire una concessione governativa che vale miliardi senza che i Monopoli o il Tesoro dicano nulla. Perché? Quanto pesano le lobby? Perché se la politica dorme (o fa di peggio) la magistratura non interviene? Non meravigliamoci poi se l’Italia affonda.

Gli ultimi editoriali

Una destra tutta suonata

La Sinistra ha stravinto le elezioni, ma c’è poco da festeggiare quando il successo arriva per abbandono dell’avversario, che già dopo il primo turno barcollava

Continua »

Aiutiamo meglio i poveri

Pensate che sarebbe successo ieri, ma di sicuro anche prima, se i 5 Stelle avessero deciso di star fuori dal governo. Oggi avrebbero più voti,

Continua »