L'Editoriale

I processi infiniti sono incivili

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

La prescrizione non è un favore ai delinquenti. E meno che mai ai corrotti. È piuttosto una punizione allo Stato quando questo non riesca a condannare in un tempo accettabile chi ha commesso un reato. La vergogna di processi come Calciopoli, giusto per fare un esempio, finito senza condanna per i principali protagonisti è una macchia su tutto il sistema giustizia. Di chi è la colpa? Della politica che ha accorciato i tempi della prescrizione? O di una magistratura che ingolfa gli uffici di procedimenti, molto spesso di pochissima importanza, e così non riesce a chiudere i casi più importanti, magari a cominciare proprio da quelli per corruzione? Chi invoca la soluzione giustizialista ha la ricetta più facile: facciamo scattare la prescrizione dopo cento anni e così nessuno (forse) la farà franca. Ma vivere in un Paese civile non vuol dire trascinare le pendenze giudiziarie dei cittadini per tutta la vita, quanto pretendere che i processi si concludano in tempi certi. E possibilmente decenti. Su questo il Governo sta cedendo alle grida di un’Italia forcaiola. Quell’Italia per cui un avviso di garanzia è già una condanna. E la prescrizione un’eresia.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA