I sovranisti travolti dal treno giusto dell’Europa

di Gaetano Pedullà

Tolti i soliti arnesi della propaganda elettorale, una delle poche contestazioni mosse seriamente ai Cinque Stelle è quella di essersi presentati come forza politica anti-europea, mentre oggi sostengono un Governo europeista col Pd. Detta così, il Movimento avrebbe fregato i suoi sostenitori e pertanto merita di essere ricambiato con la stessa moneta, magari dirottando i consensi sul fronte sovranista, all’apparenza più coerente. La ragione sta nel fatto che Bruxelles ha calpestato i diritti fondamentali di milioni di cittadini, utilizzando l’alibi del rigore sui conti pubblici e del mercato. Così ha massacrato il welfare e la crescita dei Paesi più indebitati, tra cui l’Italia, e saccheggiato interi Stati a partire dalla Grecia.

Perciò è solo folle appoggiare quell’Europa, se però quell’Europa ci fosse ancora. Non tanto per generosità, ma perché la stessa locomotiva tedesca arranca per l’economia in stagnazione, e l’avanzata delle Le Pen e dei Salvini ha dato la sveglia a Parigi e Berlino, il nuovo corso intrapreso dalla Commissione della von der Leyen punta a una solidarietà e a un Green deal mai visti prima, tanto da lanciare ieri un piano da mille miliardi per arrivare all’obiettivo di emissioni zero nel 2050. Insomma, proprio adesso che l’Ue inizia a darci quello che ci serve, la Lega, Fratelli d’Italia e altri avventurieri vogliono dichiararle guerra, con personaggi che spaziano da Borghi a Paragone, il cui solo nome fa salire di decine di punti lo spread, cioè gli interessi che tutti noi paghiamo sul debito.

Questo cappio, si dirà, al pari degli altri accordi finanziari e monetari sottoscritti dall’Italia non può condizionare all’infinito le nostre scelte economiche, ma quando le regole non piacciono più si cambiano – come stanno contribuendo a fare i Cinque Stelle e il Governo Conte – oppure si rompono, se però si ha la forza di farlo. Una forza che non hanno avuto neppure gli inglesi – per non andare lontano con la memoria – arenatisi per anni sulla Brexit malgrado la sterlina e la fortuna di non trascinarsi il debito pubblico di quasi 2.500 miliardi che abbiamo.
Fossero coerenti per davvero, i sovranisti dovrebbero invece informare gli italiani e il partito del Pil, a cui continuamente si rivolgono, su come finanzieranno con nuovo deficit la flat tax e tutte le meraviglie che promettono, facendoci saltare dalla Comunità europea e dall’Euro giusto adesso che Bruxelles stanzia una barca di quattrini e la Banca centrale mantiene i tassi più bassi di sempre, sostenendo con l’immissione di liquidità finanziaria la ripartenza del credito a famiglie e piccole imprese.

Certo, così serviranno ancora tempo e molti sacrifici per rimettere forse in piedi la nostra economia, ma con le soluzioni shock il risultato è certo, e porta in un baratro dove – semmai finiremo – avremo moltissimi anni per pentirci di aver dato credito alle sparate demagogiche di Salvini e dei suoi compari.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

Un Paese di allenatori e virologi

La paura è un sentimento che ha del buono, perché ci focalizza su un problema e spesso ci permette di venirne fuori con una forza che neppure sapevamo di possedere. Quando però diventa panico, ci porta a fare gravi errori, e talvolta a pagarli cari. Dunque sta a noi dare il giusto peso alle cose,…

Continua

L’Agcom si è accorta che la tv (e i giornali) hanno fritto il Movimento Cinque Stelle

Non ci voleva l’Agcom per scoprire l’acqua calda. Chiunque accenda anche di rado la tv, da anni vede un tiro al bersaglio a reti unificate contro i Cinque Stelle. Così si è distrutta l’immagine del Movimento, colpevole di aver fatto affidamento solo sui social e sulla rete, sottovalutando che il tamburo quotidiano sul piccolo schermo…

Continua

Autostrade, i Benetton hanno tirato troppo la corda

Si dice che il gioco è bello quando dura poco, mentre invece il giochino delle autostrade affidate ai privati per due soldi è stato bellissimo (per loro) ed è durato decenni. Adesso era ora che questo scandalo al sole finisse, anche perché se non sono sufficienti i 43 morti del ponte Morandi di Genova o…

Continua

La più forte a Roma è la Raggi

Partì per suonarla e tornò suonata. È andata così a la Repubblica, quotidiano non più ostile di tutti gli altri nei confronti della sindaca di Roma, che ieri ha pubblicato un sondaggio sul gradimento della Raggi. Il titolo non lascia spazio a fraintendimenti: “Comunali, il flop di sindaca e M5S. Meno di uno su due…

Continua

La vendetta di Renzi sulle nomine pubbliche. Ecco cosa c’è dietro le fibrillazioni dell’Esecutivo

Chi nasce tondo non può morire quadrato, e dunque ieri Matteo Renzi è arrivato in Senato direttamente dalle piste di sci in Pakistan e dopo aver escluso defezioni dal suo gruppo parlamentare ha annunciato addirittura l’arrivo di due rinforzi. Il bomba, come lo chiamavano già da giovane a Firenze, sa perfettamente di aver tirato la…

Continua

Due Mattei col terrore di sparire

Si dice che al peggio non c’è fine. Ma alla nostra povera Italia che poteva capitare di peggio di un Renzi che mette in bilico il Governo e se ne va a sciare, e di un Salvini che tra croci, rosari e crociate antiabortiste può riportare all’anno zero i diritti civili delle donne? A chi…

Continua

La battaglia in nome dell’equità

Fossimo in un Paese normale, il Governo Conte che mette mano alla questione meridionale – cioè il più grande problema nazionale dall’unità d’Italia – sarebbe la più importante notizia dei giornali. Ma visto che di normale qui c’è rimasto ben poco, si è costretti a dar conto di chi questo stesso Governo vuol farlo cadere,…

Continua

Una partita di potere per Renzi

Attenzione a sottovalutare Matteo Renzi, un personaggio riuscito a portare il Pd al massimo storico e poco dopo al suo minimo di sempre, per poi scendere ancora con il partitino fai-da-te Italia viva, stimato tra il 3 e il 5%. L’ex sedicente rottamatore sa bene che se continua a tirare la corda si rischia di…

Continua

Champagne a fiumi per i corrotti

Un passo avanti e due indietro. Se l’Italia sta messa come sta ci sarà qualche motivo, e il primo tra tutti è che siamo allergici alle riforme, soprattutto se toccano politici e colletti bianchi. A ricordarcelo, semmai ci illudessimo di voltare pagina, è stata ieri la Corte costituzionale, bocciando un principio di assoluto buonsenso: chi…

Continua

Sembravano sardine. Erano squali

Se la sardina col maglioncino Benetton era indigesta, sentire il loro leader Mattia Santori che difende i vitalizi dei parlamentari è da lavanda gastrica. Peccato, perché questo movimento sembrava poter dare ben altri contributi dopo il meritorio argine ai sovranisti in Emilia Romagna. Già in quella fase, a dire il vero, c’era qualcosa che non…

Continua