Il 25 aprile liberiamoci almeno dall’ipocrisia

di Gaetano Pedullà

In questo Paese dei campanili, diviso da sempre e irrimediabilmente in Orazi e Curiazi, Guelfi e Ghibellini, terroni e polentoni, e chi più ne ha più ne metta, figuriamoci se c’è speranza che il 25 Aprile finisca di essere la festa di una parte e diventi una ricorrenza di tutti. Pragmaticamente, Giorgia Meloni ha rilanciato l’idea di fare pace e patta celebrando la nostra giornata nazionale il 4 novembre, anniversario della vittoria nella Grande guerra e in fin dei conti primo momento di partecipazione dal Piemonte alla Sicilia a qualcosa di decisivo, per quanto si trattò di un massacro.

Una via di fuga dalla responsabilità di fare tutti i conti con la storia, per quanto Matteo Salvini ha fatto anche di peggio, e da ministro delle forze di polizia se l’è svignata dalle celebrazioni per andarsene a Corleone. Qui oggi farà sentire la presenza dello Stato a chi combatte armi in pugno la mafia, indossando però la felpa col nome di Siri, cioè il suo sottosegretario che si ostina a lasciare al governo nonostante sia indagato e abbia spinto una legge sollecitata da un socio del re dell’eolico in Sicilia, Vito Nicastri, per il quale proprio ieri sono stati chiesti dodici anni di carcere, con l’accusa di aver favorito il capo di cosa nostra Matteo Messina Denaro.

Prima di ogni cosa la festa della Liberazione dovrebbe dunque liberarci dall’ipocrisia, a partire da quella di chi ostenta un rassicurante spirito democratico ma poi rimpiange derive fasciste e autoritarie, tollerando striscioni e movimenti tristemente nostalgici. Ecco, ci liberassimo da questa ipocrisia sì che sarebbe un’altra festa.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La Verità che sa di balla

Cari lettori de La Notizia, giovedì scorso abbiamo saputo che non esistete nemmeno, perché il direttore di un giornale nato alcuni anni dopo di noi ha sentenziato così, svicolando in questa maniera dalla balla di un milione di cassa integrati non pagati dall’Inps, e soprattutto dalla vergogna del ripristino dei vitalizi per gli ex senatori.…

Continua

Terrorismo su Inps e pandemia

Ci sono molti modi di fare terrorismo. Conosciamo bene quello politico e religioso, mentre la novità è quello sanitario, di gran moda nel crescente numero di scettici sul Covid. Non avevamo idea però di arrivare al terrorismo assistenziale. A tirare le bombe sono da settimane alcuni giornali, immancabilmente rilanciati nei talk show televisivi, quasi tutti…

Continua

Il Carroccio di Salvini ora è di Zaia

Viva la faccia, il governatore del Veneto Luca Zaia non fa lo stesso giochino di Salvini, prendendo in giro con una felpa ogni volta diversa le città del Nord o del Sud in cui si reca, e rivela onestamente la vera natura della Lega, un partito del Settentrione, divisivo e con in testa solo l’autonomia…

Continua

L’orgoglio Cinque Stelle non fugge

Anche la senatrice Alessandra Riccardi se ne va dai Cinque Stelle, ovviamente senza lasciare la poltrona che mai avrebbe potuto avere senza i voti del Movimento, e come tanti altri prima di lei sputando pure nel piatto in cui ha mangiato. Insieme alla deputata Alessandra Ermellino, anche questa uscita ieri dal gruppo, ha addossato ad…

Continua

La destra si conferma giurassica

Non sono d’accordo su quisquiglie come il Mes o da che parte stare in Europa, e devono discutere pure se andare insieme o divisi a incontrare il governo ai tempi supplementari degli Stati Generali, ma se c’è da spartire poltrone i partiti del Centrodestra un accomodamento lo trovano sempre, a costo di riesumare i vecchi…

Continua

Paghiamo Fazio per sloggiare

Fabio Fazio ha tutto il diritto di difendere il suo sontuoso stipendio, ma per favore ci risparmi le storielle della povera vittima (con 2 milioni di stipendio l’anno!), della Rai che non lo vuole e delle norme del Cda ad personam contro di lui. Per effetto del Covid la pubblicità con cui si regge la…

Continua

A Bonomi piace la torta

Se qualcuno non avesse ancora capito perché il nostro establishment ama i 5 Stelle e il Governo Conte quanto un calcio nelle zone basse può farsi un’idea ascoltando Carlo Bonomi, il presidente di un’associazione che sembrava Confindustria e invece è Confindustria Lega. Nel perfetto stile dei nostri migliori prenditori, Bonomi guida un’organizzazione che campa grazie…

Continua

Pure Renzi non fa una mazza

Non può che esserci di mezzo un incantesimo, o chissà quale maledizione, per spiegare il disastro di ogni esternazione di Matteo Renzi. Prendiamo l’ultima: “il Reddito di cittadinanza educa i ragazzi a non fare una mazza”. Bene, neppure il tempo di finire questa raffinata analisi ed ecco che arrivano i nuovi numeri dell’Istat sulla povertà…

Continua

La destra che campa di bugie

Se la destra italiana non fosse ridotta alla macchietta di se stessa, incapace di fare altro che non sia propaganda, avrebbe evitato di allungare il palmarès delle sue brutte figure cavalcando la storiella dei soldi gentilmente recapitati ai Cinque Stelle da Maduro. Una balla talmente esagerata da essere stata completamente rimossa dalla memoria generale, visto…

Continua

Da Conte una grande lezione per Salvini

Se vale ancora la regola per cui i magistrati non possono parlare delle indagini in corso, il capo della Procura di Bergamo Maria Cristina Rota continua a fare come le pare, e dopo aver sentito il premier Conte e i ministri Lamorgese e Speranza ieri ha smentito se stessa, affermando di non aver dato al…

Continua