L'Editoriale

Il Campidoglio già assediato dai poteri forti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Alle dimissioni di Ignazio Marino mancavano ancora due giorni e già sul quotidiano Il Tempo usciva in prima pagina un articolo che avvisava i naviganti: “Lo stadio della Roma a rischio con la nuova amministrazione”. Ora si sa che i costruttori romani hanno perennemente qualche conto da regolare, ma l’esplodere dei contrasti tra i poteri forti della città prima ancora che il sindaco sia stato seppellito è il peggiore dei segnali possibili. Il vuoto di potere rimette ogni accordo in discussione e per chi ha in mente vecchi e nuovi affari è come pescare la carta delle opportunità nel gioco del Monopoli. Si rischiano così nuove battaglie e veti incrociati sulla testa dei romani, con l’effetto di aggravare l’immobilismo e la crisi che tengono in ginocchio la Capitale. Se salta il nuovo stadio della Roma, al di là di chi ci guadagna e di chi rosica, questo sarà il segnale che sulla candidatura alle Olimpiadi del 2024 stiamo scherzando. Delle lotte di potere tra milionari ai cittadini interessa poco. Ma se a Campidoglio vuoto queste lotte fanno male alla città è determinante bloccarle. E fare in modo che a pagare non siano come al solito gli interessi generali.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA