L'Editoriale

Il Capitano scaricato dal Carroccio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Nelle messe cantate di Porro e Del Debbio sugli straordinari meriti del Centrodestra e della Lega non se n’è mai parlato, e meno che meno nelle sacre scritture di Belpietro e Sallusti perennemente contro Conte e i 5 Stelle, ma sul fronte dell’opposizione è in arrivo l’Apocalisse. Per il Covid e per ovvi motivi anagrafici Berlusconi è destinato a cedere altra leadership, ma chi sta messo persino peggio è Salvini. Al di là del risultato alle Regionali, che sarà comunque importante, il Carroccio gli è scappato di mano.

In Veneto la lista di Zaia recupera e probabilmente aumenta i voti fuggiti dal partito, che nel trend nazionale sono crollati di 15 punti in un anno, se si considera il 38% a cui era accreditata la Lega nei giorni del Papeete e il 23% attuale. E vedremo se l’arresto dei commercialisti di fiducia in via Bellerio o le contestazioni come quella di Torre del Greco di ieri toglieranno qualcos’altro.

Per invertire questa rotta, il Capitano – come si fa chiamare dai suoi fan e dai troll a libro paga sui social network – punta a trasformare in una passerella il processo di Catania sulla faccenda Gregoretti, ma anche tra i suoi fedelissimi è chiaro che questi show funzionano sempre meno ed è ormai gara aperta nel mollarlo al suo destino. Prima erano stati colonnelli come Claudio Borghi a smentirlo apertamente sul voto al referendum tagliapoltrone, ma ieri a certificare la spaccatura è arrivato un generale del calibro di Giancarlo Giorgetti. La Lega, insomma, è pronta per un nuovo leader.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA