L'Editoriale

Il Carroccio di Salvini ora è di Zaia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Viva la faccia, il governatore del Veneto Luca Zaia non fa lo stesso giochino di Salvini, prendendo in giro con una felpa ogni volta diversa le città del Nord o del Sud in cui si reca, e rivela onestamente la vera natura della Lega, un partito del Settentrione, divisivo e con in testa solo l’autonomia dal Governo di Roma. Accreditato di un larghissimo consenso nella sua Regione, il presidente del Veneto mette a nudo un’altra delle grandi contraddizioni del Centrodestra, persino più ingombrante delle idee completamente diverse sulla collocazione politica dell’Italia nell’Unione europea, e cioè la matrice federalista del Carroccio contrapposta all’intangibilità nazionale rivendicata da Fratelli d’Italia, dove conta ancora qualcosa il motto “Dio, Patria e famiglia”.

Sull’autonomia locale, sia ben inteso, ci sono ampie convergenze politiche e popolari, tant’è vero che i referendum del 2017 finirono in un plebiscito di consensi, con i voti raccolti anche dal Movimento Cinque Stelle e dal Pd, oltre che dal Carroccio. Quella riforma però non è mai nata, persino quando la Lega ha governato il Paese, perché una cosa è l’autonomia, un’altra è la sostanziale anarchia pretesa dai leghisti, per di più in una stagione in cui le Regioni hanno assunto un protagonismo mai visto prima, in frequente conflitto con l’amministrazione centrale. Una contrapposizione emersa plasticamente nella gestione della pandemia, dove il ministro per gli Affari regionali ha dovuto impugnare una serie di provvedimenti persino sulle restrizioni sanitarie.

La richiesta di Zaia agli alleati del Centrodestra, con una netta presa di posizione a favore dell’autonomia chiesta dal Nord, spiega finalmente che modello di comunità ha in mente la Lega, avvertendo il resto d’Italia delle nuove disparità economiche a cui si vuole andare incontro, e svelando un’altra verità oltre alle contraddizioni insanabili nella destra e l’illusione della Lega come partito nazionale: nello schieramento di Alberto da Giussano – il personaggio immaginario che per Checco Zalone è un Power rangers – la leadership incontrastata di Salvini è terminata.

Gli ultimi editoriali

Vitalizi senza vergogna

Della vergognosa decisione di restituire il vitalizio al condannato per corruzione Formigoni ho già detto ieri tutto il male possibile (leggi l’editoriale di ieri). Oggi

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA