L'Editoriale

Il ministro Calenda si è già dimenticato del suo padrino Montezemolo. Ma si sa, la gratitudine è un lusso poco italiano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se c’è uno sport nel quale a noi italiani non ci batte nessuno, questo è il salto sul carro del vincitore. La disciplina è antichissima e fa pendant con la fuga dalle navi che affondano. La gratitudine si sa che è il sentimento del giorno prima (dei naufragi). E nel grande gioco del potere la riconoscenza è per i più un lusso insostenibile. D’altra parte la storia è piena di figli che uccidono i padri per prenderne il posto, figuriamoci se la regola non vale per i figliocci con i padrini. Per questo non sorprende l’attacco del ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda all’ex presidente della Confindustria Luca di Montezemolo. Senza quest’ultimo, che di Calenda è stato sempre il grandissimo sponsor, l’attuale ministro oggi si sognerebbe la poltrona su cui siede. Eppure ieri Calenda ha sventrato la gestione dell’Alitalia (dove Montezemolo è presidente e garante dei soci arabi). Una scoperta dell’acqua calda, visto che la crisi della nostra ex compagnia di bandiera è storica e cronica. Anni di sprechi durante i quali Calenda era evidentemente troppo occupato a lodare il suo mentore (ora in difficoltà) per vedere il disastro di cui si è accorto solo ieri.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA