L'Editoriale

Il prezzo inevitabile delle riforme

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Scenari. Sotto l’ombrellone in vacanza di che volete che si parli? E gli scenari della politica italiana sono principalmente tre. Il primo: alla ripresa dell’attività parlamentare si naviga a vista come sempre, ci scappa l’incidente e Renzi prende la palla al balzo per andare subito al voto. Dentro c’è l’incognita Mattarella, ma con l’economia che ristagna e le opposizioni che crescono al premier conviene certamente non dare altro vantaggio ai suoi avversari. Secondo scenario: si fa resuscitare il Nazareno. Duemila anni fa è riuscito, perché non provarci pure ora, offrendo a Berlusconi un nuovo patto sotto al tavolo? Non a caso da alcuni giorni il Pd “renziano” manda evidenti segnali di apertura a Forza Italia. Difficile però che i Berluscones questa volta ci caschino gratis. Terzo scenario: Forza Italia non potrebbe non appoggiare le riforme se fosse impegnata direttamente nell’Esecutivo. Tradotto: a casa un po’ dei ministri peones indicati da Alfano o da partiti che non ci sono più come Scelta civica, e largo agli spasimanti azzurri con un Renzi bis. La sinistra Pd si scandalizzerà, però le riforme stavolta si faranno sul serio.

Gli ultimi editoriali

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché

Continua »