L'Editoriale

Il ruggito (inutile?) contro l’Ue

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il frenetico immobilismo dell’Europa sulle grandi questioni epocali, dal lavoro precario all’immigrazione, non è un’invenzione di Renzi. Il nostro premier su questa denuncia ha ragione da vendere, e pazienza se una tale presa di posizione è chiaramente strumentale per spostare altrove i riflettori che oggi sono accesi sulla battaglia finale nel Pd in vista del referendum costituzionale. Il punto è un altro: quanto questo battere i pugni sul tavolo sia vero o faccia solo parte di una tattica che dietro la cortina fumogena non si sogna nemmeno di fare una guerra vera alla Merkel e a Bruxelles. Quando si insediò, il premier era sufficientemente spregiudicato da essere disposto a governare grazie a alleanze “innaturali” come quella con Verdini. Già allora Renzi promise con l’Europa sfaceli che non sono arrivati. E senza un surplus di flessibilità nella prossima manovra finanziaria sarà proprio l’Europa a bloccare quei regali a pioggia che Renzi sta promettendo per vincere il referendum del quattro dicembre. Perciò le critiche giuste avanzate da Renzi sembrano un ruggito del coniglio piuttosto che legittime recriminazioni.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA