L'Editoriale

Il Vaticano affronti i suoi guai o cadono le fondamenta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

A volte ci sono segni profetici, capaci di mostrarci qualcosa che può avvenire, affinché ci si pensi meglio prima di favorire con i propri gesti il concretizzarsi del presagio. Il crollo nella chiesa di San Giuseppe dei falegnami, nel cuore di Roma, tempio affidato a un influente gesuita, strettissimo collaboratore di Papa Francesco, ha in se tutti gli elementi di un preciso avvertimento: una Chiesa a lungo trascurata viene giù rovinosamente. Chissà se ad appena qualche centinaio di metri di distanza, in Vaticano, si terrà conto di un tale oracolo, o si continuerà ad affrontare la fragilità delle massime istituzioni cattoliche esattamente come ha fatto la società delle Autostrade con il ponte di Genova. Dai primi atti dopo la diffusione del memoriale di monsignor Carlo Maria Viganò, non c’è molto di essere ottimisti. L’arcivescovo, con un gesto inedito nelle alte gerarchie, ha accusato pubblicamente il Pontefice di aver coperto alcuni potenti cardinali americani, pur sapendo delle loro intollerabili perversioni sessuali.

Il Papa ha risposto decidendo di non rispondere, lasciando intuire che si è trattato di una ripicca dell’ex nunzio negli Stati Uniti per la mancata promozione a cardinale. Ovviamente adesso l’ala più conservatrice della Chiesa, con le sue propaggini nei movimenti ecclesiali, nella politica e nella cultura, sta soffiando sullo scandalo sognando di arrivare persino alle dimissioni di un Santo Padre contestatissimo, perché considerato terzomondista, troppo tollerante sui temi etici e in estrema sintesi di Sinistra. Da parte sua, Francesco non sta affrontando adeguatamente la questione, limitandosi come un disco rotto a chiedere scusa in lungo e in largo per i peccati dei sacerdoti. Così il sospetto logora le fondamenta della Chiesa, mentre la battaglia di potere in corso prosegue come una guerra tra bande che di cristiano hanno davvero ben poco. Nel frattempo il cancro della pedofilia e in subordine della mancata osservanza dell’obbligo della castità continuano a non essere affrontati fino in fondo, e si va avanti come è stato fatto con la chiesa a cui è caduto ieri il tetto a Roma. Una follia, a meno di sperare in un miracolo o nella solita provvidenza.

Gli ultimi editoriali

Segnali di saggezza da Marte

Dopo aver assistito inerme alla lapidazione quotidiana dei Cinque Stelle sul 98% dei giornali e telegiornali dello Stivale, ieri Beppe Grillo ha svelato ai suoi

Continua »