L'Editoriale

Inchiesta Consip, tanto rumore ma l’aria è di fuffopoli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

L’Italia è un Paese corrotto e la corruzione è un male assoluto perché chi offre le mazzette poi si rifà sulle opere pubbliche ottenute, facendo pagare così a tutti noi la disonestà del politico o del burocrate di turno. Più serio di questo problema c’è però il rispetto della Giustizia. La magistratura ha tutti i poteri che conosciamo perché deve garantire la legalità e tutti i cittadini. Per questo le inchieste non dovrebbero dare mai la sensazione di essere a senso unico o a orologeria. Sensazione che nella vicenda Consip si percepisce fortissima. Gli elementi raccolti dai pm sono fragilissimi. Per quanto si sa, si parla di appunti con indicate lettere che potrebbero significare qualsiasi cosa. Ci sono poi le voci di microspie negli uffici Consip, facilmente immaginabili senza scomodare alti comandi delle Forze dell’ordine. Ultima traccia, un po’ di denaro trovato a un funzionario e la presunta promessa di un regalo da 30mila euro al papà di Matteo Renzi. Una cifra così misera che basta da sola per far vedere in questa inchiesta l’ennesima fuffopoli a uso di qualche magistrato in cerca di gloria e dei giornali politicamente “interessati” che ne fanno i cantori.

Gli ultimi editoriali

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I politici in fila dalle Lobby

Nel Paese dove il re dei conflitti d’interesse, Silvio Berlusconi, può diventare Presidente della Repubblica, che speranza ha una legge che regoli sul serio i rapporti tra lobby, politica e affari? Se a qualcuno sfuggisse la risposta, è illuminante seguire l’iter parlamentare della norma che

Continua »
TV E MEDIA