La balla dei 5 Stelle contro Conte

di Gaetano Pedullà

Probabilmente seguo i Cinque Stelle in modo non così attento quanto gli illustri direttori dei giornali di destra e dei sedicenti poteri forti (Fiat, Confindustria, banche) secondo cui il Movimento è tutto uno schifo, e nemmeno quanto il bravissimo direttore dell’unico giornale insieme a questo che non li attacca a prescindere, a costo di inventarsi di sana pianta velenosi retroscena quando non ci sono altre cartucce per sparargli addosso. Seguo però la politica italiana da così tanti anni da poter affermare con certezza che prima dell’arrivo di questa forza nel governo del Paese mai si era fatto tanto per ridurre le disuguaglianze, aiutare chi è rimasto indietro, togliere privilegi e ruberie tanto delle destre che delle sinistre.

Poi gli errori li fanno tutti, le battaglie si vincono e si perdono, e se ancora brucia la sconfitta sull’inutile Tav tra Torino e Lione, o le concessioni fatte alla Lega in cambio di un percorso di riforme tradito da Salvini, non si può non riconoscere una montagna di meriti, con al primo posto aver risparmiato all’Italia di tornare al Medioevo con le follie isolazioniste del più becero Centrodestra di sempre, e al secondo posto di aver tirato fuori da chissà quale cilindro un Presidente del Consiglio equilibrato, di lunghe visioni, onesto e coraggioso come Giuseppe Conte. Per ottenere solo questi due risultati, senza parlare di tutto il resto, dal Reddito di cittadinanza al taglio dei parlamentari alla battaglia sui vitalizi e mille altre cose, il Movimento si è dissanguato elettoralmente.

Un sacrificio necessario per onorare la promessa di fare sempre quello che serve di più ai cittadini e non a se stesso, come fanno gli altri partiti. Questo però è fare Politica, con la P maiuscola, e di conseguenza trattare e discutere con tutti per centrare gli obiettivi nell’interesse del Paese. Quindi non dovrebbe stupire nessuno tanto Conte che incontra il premier olandese oggi arcinemico dell’Italia per bloccare i fondi europei, quanto Di Maio che sente Draghi, cioè chi conosce meglio di chiunque le dinamiche economiche internazionali per aver fatto il presidente della Bce, oppure Gianni Letta che è l’unico soggetto dialogante in quella gabbia di matti dell’attuale Centrodestra, che con Conte non parla e se parla è solo per insultarlo.

Certo Feltri, Belpietro, Sallusti e compagnia cantando non avranno difficoltà a spiegare i faccia a faccia di Di Maio come le chiare avvisaglie di un governissimo che avanza, e l’ex capo politico dei Cinque Stelle che tratta in proprio per cacciare Conte e fare il ministro con un altro premier, anche se tutta questa teoria fa acqua da ogni parte, se non altro perché Di Maio il ministro lo fa già. Siamo dunque nel campo delle balle messe in circolo per avvelenare il clima, come fa da sempre un giornalismo cinico fomentato da una politica intenta solo a farsi i cazzi suoi.

Ma da Travaglio non te l’aspetti proprio che cada nel tranello, e descriva i comportamenti di uno degli esponenti più visibili del Movimento esattamente come quelli di un qualunque politico della Prima Repubblica, mettendo così i Cinque Stelle in uno stesso frullatore con tutto il resto, scodellando un intruglio dal quale non si salverebbe neppure Conte. Esattamente il gioco di chi vuole proprio l’attuale premier fuori da Palazzo Chigi, possibilmente facendo compiere un omicidio-suicidio proprio ai Cinque Stelle.

 

Gli ultimi editoriali di Gaetano Pedullà

Consulta l'archivio completo

La destra più vigliacca di sempre

Gli appassionati del nostro sempre più imbarazzante regionalismo si segnino che ieri a Reggio Calabria è crollato il tetto del Consiglio regionale mentre in Puglia si sono schiantati decenni di battaglie per la parità di genere, con il Governo Conte costretto a nominare un prefetto per dare alle donne una vera chance di successo alle…

Continua

La condanna di Matteo c’è già stata

Se quella sui camici di Fontana è un’inchiesta a orologeria, ovviamente l’autorizzazione a procedere contro Matteo Salvini è un processo politico. Dicono così dalle parti della destra più becera e meno legalitaria del mondo, trascinata da quasi tre decenni di berlusconismo nella più smaccata insofferenza verso tutto ciò che ha a che fare con la…

Continua

I renziani affamati di poltrone

Chissà chi sta messo peggio tra i due Matteo, uno che oggi rischia di finire sotto processo per la vicenda Open Arms e l’altro che ormai stabile nei sondaggi sotto al 5% comincia a non governare più la sua truppa. Proprio per questo motivo ieri al Senato è saltato l’accordo politico sulle presidenze delle commissioni…

Continua

La dittatura sanitaria e altre bugie

Con la credibilità di chi prima voleva tutto aperto, poi tutto chiuso, adesso tutti in giro senza mascherina perché il Covid è finito, ma a patto che non si tratti di migranti perché spargono il Covid (ma non era finito?), ieri Matteo Salvini ha fatto in Senato un altro show, dopo il delirante convegno negazionista…

Continua

Un comitato scientifico da paura

Se vi hanno appassionato le giravolte dei virologi, il nuovo comitato tecnico scientifico presieduto da Salvini, Sgarbi e Bocelli vi entusiasmerà ancora di più. I luminari, notoriamente esperti di virus e pestilenze, ieri ci hanno informato che ancora oggi milioni di persone fanno finta di contagiarsi nel mondo, perché prendersi il Covid deve essere diventato…

Continua

Manca Totò alla tavola dei Fondi Ue

La pappa non è ancora arrivata ma un sacco di gente si è già seduta a tavola. E vista la fame di questi tempi, il finale di Miseria e nobiltà, con Totò che si infila in tasca gli spaghetti, sarà nulla a confronto. Parliamo del Recovery Fund, la montagna di miliardi che il premier Giuseppe…

Continua

Recovery festival delle bugie

Non ne azzeccano una neanche per sbaglio, ma più sono smentiti dai fatti più girovagano per le tv a confondere le acque su quello che è appena successo in Europa. La quasi totalità dei giornalisti fissi nei talk show anziché chiedere scusa per aver sballato tutte le previsioni sul Recovery Fund, da ieri ci spiegano…

Continua

Aspettando gli aiuti di Paragone

Tra i fenomeni da circo della politica italiana quest’estate va di moda il numero della testa nella bocca del leone. La capoccia ovviamente non è quella di Lorsignori ma la nostra, che secondo mezzo Pd e i soliti Renzi, Calenda e Berlusconi (sempre più anime di uno stesso partito) dovremmo  infilare nella tagliola del Mes,…

Continua

A Bruxelles vincono gli egoismi

Mentre un esercito di volpi della politica italiana, anche nel Governo, non risparmia critiche a Conte e ai Cinque Stelle perché si ostinano prudentemente a non chiedere i soldi del Mes, l’Europa getta la maschera, rivelando di essere a malapena un’Unione mercantile, perennemente a corto di valori come la solidarietà tra Stati o la condivisione…

Continua

A Virgì scordamoce sti scribani

A Virgì, Roma nun se merita sti scribani. Lo so, fossi davvero buono a comporre i sonetti potrei dirlo meglio, ma non ho la vena poetica di tanti colleghi giornalisti, e mai potrei raggiungere le vette della loro fantasia nell’attribuire a questa sindaca ogni tipo di disastro, preferibilmente se lasciato da chi c’era prima di…

Continua