L'Editoriale

La doppia morale del mercato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Le torri Rai non si toccano perché non sia mai che il cattivo Berlusconi minacci il controllo pubblico della tv di Stato, ma il Tesoro può vendere tranquillamente un altro 5% di Enel e renderla scalabile senza che nessuno dica un’acca. Così va questo Paese dove tutto si butta in politica, e dove il mercato è libero solo quando conviene. Ora è chiaro che i paladini dello Stato che tutto controlla e tutto possiede sono impazziti dopo l’offerta del Biscione. E a nessuno di questi signori – dal Pd ai Cinque Stelle – è fregato un fico secco della montagna di soldi che potrebbe consentire a Viale Mazzini a rilanciare il servizio pubblico. La politica prima di tutto! Mediaset d’altronde ci ha messo del suo, presentando un’offerta che ha un valore industriale ma anche modalità che aprono molti scenari, compreso il trasloco su un altro terreno (quello degli affari) del Patto del Nazareno. Ora coerenza vorrebbe che pure su Enel si scatenasse la stessa reazione. Cosa che non è avvenuta, perché al mercato (quello che conta, dove oggi purtroppo la politica prende ordini) l’operazione sta bene così. Consoliamoci con la tv pubblica. Che accenderemo con l’elettricità privata.

Gli ultimi editoriali

Tocca a noi cambiare canale

Non ci facciamo mancare niente: corvi nel Csm, 007 che confabulano con politici come amanti clandestini negli autogrill, dossieraggi persino nelle sacre stanze del Vaticano,

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA