L'Editoriale

La foglia di fico di Cantone

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Il nuovo Messia della politica italiana si chiama Raffaele Cantone. Come i cristiani a Pasqua attendono il Signore, allo stesso modo non c’è ministro o leader di partito che non invochi il Commissario Anticorruzione. L’ultimo in ordine di apparizione è il neo responsabile dei lavori Pubblici, Graziano Delrio, che non ha fatto in tempo a scendere dalla bicicletta con cui si è presentato al ministero e si è già messo sotto la protezione del magistrato. La resa della politica, che sa perfettamente di non poter più dominare il sistema di regole bizantino degli appalti, e a scanso di brutte sorprese si auto-deresponsabilizza. Un errore di prospettiva, dettato dalla percezione che il malaffare è dappertutto, col risultato di mettere l’anima in pace a chi governa risparmiandogli la fatica di riformare codici e burocrazia. È proprio dentro questo labirinto che si nasconde la corruzione e neppure un professionista capace come Cantone potrà mai stanare tutti i furbi pronti ad approfittare di un tale groviglio di norme. Così con i suoi pochi mezzi il commissario rischia di diventare una foglia di fico dietro il quale uno Stato arraffone continuerà a nascondere le sue vergogne.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA