L'Editoriale

La fortuna al contrario di Tripoli

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Quanto ha senso indignarsi per mezzo mondo che vuole immigrare a casa nostra e poi continuare a fare le guerre coloniali? Si dirà che le colonie europee sparse per il pianeta – o i posti al sole come li smaltava il fascismo – non ci sono più, ma la guerra civile in corso in Libia come la vogliamo chiamare? Lo sanno tutti che il primo ministro Sarraj assediato a Tripoli è “gradito” all’Onu, agli Usa e per lungo tempo è stato un interlocutore forte dell’Italia, mentre le milizie che attaccano sono legate al generale Haftar “amico” dei francesi. La differenza con le vecchie guerre è che prima insieme agli Ascari o ai mercenari locali, chi faceva i propri interessi col cannone ci metteva la faccia, inviando truppe d’occupazione. Oggi invece fanno tutto loro. Così l’Occidente ha tenuto per secoli sotto scacco l’Africa, parte di Asia e America latina, non certo arricchendo le popolazioni locali che ora infatti ci troviamo sull’uscio di casa in cerca di un po’ della torta del benessere che gli è stata portata via. E la Libia è troppo ricca per essere anche fortunata.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA