L'Editoriale

La Jihad di politica e toghe

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Se va avanti così, alla fine non potrà che restarne una sola. Politica e magistratura in questo Paese non convivono più in modo dignitoso da troppi anni. Tangentopoli, i tentativi di riforme, l’infinita stagione giudiziaria di Berlusconi e una serie di depenalizzazioni hanno fatto sì che la diffidenza di molte toghe verso il Parlamento sia oggi assoluta, così come quella di gran parte dei nostri deputati e senatori verso i tribunali e le Procure. Due poteri dello Stato in guerra perenne. Una mostruosità per chi ha come stella polare quell’equilibrio dei poteri non sindacabile in una democrazia liberale. Tra magistrati e politici non manca però solo la fiducia, ma anche la possibilità di un confronto franco e risolutivo con cui provare a mettere fine a questa pericolosissima tenzone. Così l’astio cresce e presto o tardi i due mondi saranno definitivamente inconciliabili. Serve dunque una soluzione, un luogo di discussione dove chiarirsi una volta per tutte prima che le due parti, con i rispettivi partiti nell’opinione pubblica, si massacrino di nuovo. Lasciando allo Stato, come al solito, il conto da pagare.

Gli ultimi editoriali

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gualtieri assente sulla legalità

Se non ci fosse da piangere sarebbe tutta da ridere l’ultima accusa del candidato dem al Comune di Roma, Roberto Gualtieri, contro la Raggi. Secondo l’ex ministro dell’Economia, la sindaca non è riuscita a sfrattare l’associazione di destra CasaPound dallo stabile che occupa abusivamente nel

Continua »
TV E MEDIA