L'Editoriale

La politica cambi passo sul serio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp

Si tratta chiaramente di una norma manifesto, dagli effetti microscopici sulle finanze pubbliche ma di sicuro impatto sull’opinione pubblica. Tagliare i vitalizi ai parlamentari condannati è un provvedimento talmente sacrosanto da non aver bisogno – in un Paese normale – di alcuna argomentazione. Questo però è il Paese degli azzeccagarbugli e dunque con la scusa del procedimento abbiamo sentito difendere l’indifendibile. E non è detto che la strada scelta dai presidenti Grasso e Boldrini alla fine non spunti nel solito divieto di legittimità costituzionale. Per questo affermare il principio non può bastare. Fermarsi qui significherebbe infatti dare ragione a chi vede in questo stop alle pensioni dei condannati solo una grattatina di pancia all’antipolitica in vista delle elezioni regionali. Se il tradimento del patto di lealtà con lo Stato è un motivo sufficiente per togliere il vitalizio a deputati e senatori, a maggior ragione dunque deve esserlo per cancellare lo stesso privilegio ai consiglieri regionali con il medesimo genere di reati passati in giudicato. Non basterà a dimostrare che la politica ha cambiato passo, ma il segnale che ci vuol provare sarà più forte e chiaro.

Gli ultimi editoriali

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte,

Continua »

La Tv democratica non è folle

Per quanto l’ex premier Mario Monti abbia rettificato, l’idea di selezionare “in modo meno democratico” chi fa informazione è indigeribile. Il controllo dei media è

Continua »
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA